martedì 30 luglio 2013

42° edizione "il Boccabùgia" - Vergemoli 4 agosto 2013


Il Boccabùgia di Giulio Simonini da "La Tramontana - settembre 2007"

Lo chiamavano il "Boccabùgia" per la totale assenza di denti e con questo epiteto fu istituito un importante premio di poesia estemporanea che da trentasei edizioni primeggia nei cartelloni estivi delle manifestazioni in Garfagnana. L'importante concorso si svolge ogni anno nella seconda domenica di agosto, richiamando a Vergemoli, splendido e storico capoluogo del più piccolo comune della Toscana, tantissimi aspiranti e affermati poeti, provenienti da tutta Italia. 
Era Andrea Jacopo Vanni, personaggio esilarante e spassoso, di scarsa cultura, ma dotato di un naturale talento lirico. Nacque nella metà dell'800 a Vergemoli, dove visse fino alla sua scomparsa, avvenuta nel 1911. Alternava ai lavori dei campi, la gestione di un piccolo negoziobazar e di vendita ambulante, spingendosi negli sperduti casolari della zona, dove per attirare l'attenzione della clientela, si trasformava in "giullare", declamando in quartine o in sestine la qualità e i pregi dei suoi prodotti. Le sue rime sgorgavano spontanee e immediate, in risposta agli avvenimenti del momento. Era il vero protagonista, mattatore e animatore, nelle manifestazioni di festa in paese. Nonostante la scarsa formazione scolastica era stimato e tenuto in grande considerazione dalla sua gente, per la vivace intelligenza e umanità. Dalle testimonianze raccolte in paese, il Vanni era anche molto temuto dalle coppiette, dai costumi non proprio irreprensibili, costrette a nascondersi dietro le persiane durante le sue scorribande lungo le "rughe" del paese affollate di curiosi, declamando in versi, pungenti e sarcastiche parodie nei loro confronti. Questa sua peculiarità si sparse nella valle e portò a scoprire la presenza di un altro grande poeta estemporaneo: Luigi Prosperi, il "Chioccoron" di Careggine. Ne nacquero sfide memorabili, disputate nella piazza principale di Castelnuovo, di fronte ad una platea divertita e numerosa, durante il mercato del giovedì. Il "Drea" visse gli ultimi anni nella sua modesta casetta con la figlia Angelina la quale a sua volta (1921) ebbe Elisa. Uomo irreprensibile e di profonda fede cristiana, si prodigò al servizio della chiesa, dando la sua preziosa collaborazione, per molti anni, al parroco don Antonio Fiorani, illustre e famoso poeta e commediografo, il quale volle esaudire il desiderio del “Boccabùgia” di essere, alla sua morte, sepolto con la cappa della confraternita di S. Giorgio. Questo personaggio non è caduto nell'oblio, anzi, la sua gente ne ha fatto una star e la sua figura aleggia ancora ironica e beffarda, particolarmente nella seconda domenica di agosto, durante l’originale concorso di poesia estemporanea, istituito nel 1972 in suo onore dal compianto dottor Giovanni Soraggi, allora presidente della Pro Loco vergemolina. 

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!