domenica 9 settembre 2012

Assegni familiari

Un aiuto alle famiglie sotto forma di contributo mensile in busta paga (o sulla pensione): l’importo dell’assegno familiare cambia a seconda del reddito complessivo della famiglia, del numero e della tipologia dei componenti. Ma influiscono anche la presenza di figli minori e di figli ina­bili al lavoro. 

Il sostegno economico, che di per sé non è certo elevato, diventa però sostanzioso per i nuclei che hanno redditi bassi o situazioni familiari disagiate per motivi legati allo stato di salute dei componenti. 
I limiti di reddito che servono per definire gli importi dell’assegno, stabiliti da apposite tabelle preparate dall’Inps, vengono an­nualmente rivalutati in base all’andamento dell’inflazione. 

Chi ha diritto all’assegno familiare 
Hanno diritto all’assegno le famiglie: 
  • dei lavoratori dipendenti (sia a tempo pieno sia part time), compresi quelli che lavorano a domicilio, gli apprendisti, i la­voratori domestici, gli stranieri (per questi ultimi, purché la loro famiglia sia residente in Italia). Per tutti questi lavoratori il diritto vale anche in caso di malattia, maternità, cassa integrazione, mobilità, aspettativa per cariche elettive o sindacali; 
  • dei pensionati da lavoro dipendente; 
  • dei soci di cooperative; 
  • dei lavoratori parasubordinati, cioè quel­li con contratti a tempo determinato, per esempio a progetto, occasionali... 

L’assegno familiare non spetta, invece, ai lavoratori autonomi, cioè ad ar­tigiani, commercianti, liberi professionisti, coltivatori diretti. 

Assegno familiare: quale reddito considerare 
Il reddito che deve essere considerato per ve­rificare se avete diritto a chiedere l’assegno familiare è composto da voci quali: 
  • i redditi complessivi assoggettabili all’Irpef (da lavoro, da pensione, da immobili, rendi­te...); i dati li trovate sulla dichiarazione dei redditi o sul Cud; 
  • i redditi di qualsiasi altra natura (redditi esenti da imposta, soggetti alla ritenuta alla fonte, a imposta sostitutiva), da in­dicare solo se superano i 1.032,91 euro; anche in questo caso, fate riferimento alla dichiarazione dei redditi o al Cud. 
C’è una condizione da rispettare per avere diritto all’assegno: almeno il 70% del reddito familiare deve derivare da lavoro o pensione. In pratica, le altre fonti di reddito (rendite immobiliari, lavoro autonomo...) devono al massimo toccare il 30% delle entrate fami­liari complessive. 

Assegni familiari: tempi e tabelle di riferimento 
Per quanto riguarda lo spazio temporale, il reddito da prendere in considerazione è quello prodotto nell’anno solare precedente il 1° luglio di ciascun anno e ha valore fino al 30 giugno dell’anno successivo. Quindi, per esempio, per il periodo 1° luglio 2012 - 30 giugno 2013 si considera il reddito del 2011. Per vedere se avete diritto all’assegno e, nel caso, quanto vi spetta al mese, dovete fare riferi­mento alle tabelle che l’Inps rivede annual­mente. Il percorso per trovarle online è un tortuoso, ma con un po’ di pazienza ce la po­tete fare. Dalla home page del sito Inps cliccate sulla casellina in alto a sinistra “Circolari e messaggi”, poi nella colonna di destra “Tutte le circolari”: cercate la numero 79 del 2012, lì c’è quello che vi serve. 

A chi fare la richiesta 
Nella stragrande maggioranza dei casi la ri­chiesta per ottenere l’assegno familiare viene fatta al proprio datore di lavoro, che poi la gi­ra all’Inps. Solo alcune categorie devono fare domanda direttamente all’Inps: colf, badanti, lavoratori agricoli dipendenti e disoccupati. Che sia al proprio datore di lavoro o diretta­mente all’Inps, il modulo per fare la richie­sta è sempre lo stesso: è contraddistinto dalla sigla “Anf/Dip”. 
Si trova online sul sito dell’Inps, attraverso una strada non semplicissima: dalla home page clic­cate sulla casellina in alto a sinistra “Modu­li”, poi nella fascia di sinistra “Prestazioni a sostegno del reddito”: a questo punto dovete avere la pazienza di scorrere l’elenco dei mo­duli fino a quando arriverete a quello rela­tivo alla domanda di assegno per il nucleo familiare. Stampatelo, compilatelo e conse­gnatelo al vostro ufficio del personale.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!