mercoledì 24 agosto 2016

Finanziamento per danni da eventi calamitosi

 
Arrivano contributi per i danni del maltempo.
Grazie a quella che si chiama delibera globale emanata il Consiglio dei Ministri il 28 luglio in attuazione della legge stabilità 2016, si mettono a disposizione risorse e si individuano le procedure per il ripristino del patrimonio abitativo e produttivo privato colpito da calamità naturali.
Si tratta di una manovra complessa, che riguarda 17 regioni e coinvolge vari livelli istituzionali, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri alle Regioni e ai Comuni colpiti dalle emergenze.

La Toscana è interessata con sette eventi successi dal marzo 2013 al 24 e 25 agosto del 2015.
In particolare, quelli del marzo 2013, dell'ottobre 2013, del 1 gennaio e 11 febbraio 2014, del 19 e 20 settembre 2014, dell'11-14 ottobre e 5-7 novembre 2014, del 5 marzo 2015 e del 24 e 25 agosto 2015.
Riguardano tutte le province, 181 comuni, 13.478 schede (le cosiddette schede B) di segnalazione dei danni per un importo stimato complessivo di circa 150 milioni di euro.

Risorse disponibili
Sono disponibili a livello nazionale 1500 milioni di euro per i danni ai privati e alle attività economiche e produttive, di cui nel 2016 sono utilizzabili 400 milioni per partire con i contributi per i danni subiti dalle abitazioni private.
Il resto del plafond sarà utilizzato, a partire dal 2017, per far fronte ai danni delle imprese delle prime 40 emergenze e per tutti i tipi di danni delle altre emergenze per le quali la ricognizione è ancora in corso.

Modalità del contributo
Assolutamente innovativa, la modalità di erogazione del contributo prevede il finanziamento agevolato con garanzia dello Stato e la corrispondente attivazione di un credito di imposta di pari importo (cedibile), che pone il finanziamento a totale carico dello Stato ( fu fatta la stessa cosa per il terremoto della pianura padane del 2012). In pratica, una volta determinato l'importo del contributo spettante, il beneficiario ha titolo per ottenere un finanziamento agevolato e un credito di imposta di pari importo: basta che si rechi presso un istituto di credito convenzionato mostrando il documento che attesta l'importo spettante. L'istituto di credito attiverà un finanziamento di importo corrispondente al contributo con la contestuale cessione del credito d'imposta all'istituto di credito. Quindi pagherà gli interventi di cui il beneficiario consegna la documentazione validata.
Perciò non ci sarà alcun passaggio di denaro dai bilanci pubblici e nemmeno tra gli enti e il privato: è l'istituto di credito che procede ai pagamenti, scontando le rate di capitale e interessi sul credito di imposta ceduto.

Nella Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 194 del 20-8-2016 è stata pubblicata l'Ordinanza 383 del 16 Agosto 2016 relativa alla Regione Toscana.
Pertanto, decorrendo dalla data di pubblicazione i 40 giorni previsti, Il termine ultimo entro il quale presentare la domanda è il 30 Settembre 2016.

I presupposti per fare domanda sono due e sono entrambi necessari:
• essere stati danneggiati da uno degli eventi per i quali è stato dichiarato lo stato di emergenza nazionale ed oggetto della delibera "globale" del 28 luglio.
• avere presentato la scheda di segnalazione del danno con il modello B, subito dopo l'evento medesimo.

La Regione Toscana ha predisposto due vademecum con le indicazioni per l'accesso al contributo:

INDICAZIONI PER I PRIVATI CITTADINI

INDICAZIONI PER I COMUNI

È stata anche attivata una email dedicata per domande e questioni:
alluvioni.privati@regione.toscana.it

Fonte: Regione Toscana

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!