martedì 25 novembre 2014

Corriere di Garfagnana: intervista al Sindaco Saisi

Sul Corriere di Garfagnana questo mese è il turno del nostro Sindaco David Saisi, intervistato dall'Avvocato Italo Galligani.


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

"Question time del Cittadino" - Il 12 dicembre l'Amministrazione di Gallicano risponde alle domande del cittadino


INFORMAZIONI, VICINANZA, PARTECIPAZIONE: IL CITTADINO C'E'

L'informazione alla portata di tutti per sentirsi parte di una vera comunità è un piccolo passo per costruire un futuro migliore per Gallicano.
La nostra campagna elettorale è stata fondata su queste parole, per noi l'accessibilità totale ai dati concernenti ogni aspetto dell'organizzazione della vita pubblica, dalla gestione all'utilizzo delle risorse pubbliche, è alla base del concetto di trasparenza. 
In questi pochi mesi abbiamo avuto modo di capire, tramite alcune assemblee pubbliche, quale fosse il modo più semplice e diretto per avere un dialogo costruttivo con la cittadinanza.
Partendo da questo dato di fatto, abbiamo deciso, come Amministrazione Comunale, di avvalerci di assemblee pubbliche bimestrali che chiameremo “QUESTION TIME DEL CITTADINO”.
Sarà uno strumento utile per promuovere e favorire la partecipazione attiva dei cittadini alla vita politica e amministrativa del paese consentendo allo stesso tempo a noi amministratori di venire a conoscenza di istanze e proposte provenienti dalla comunità. In poche parole:
RISPONDEREMO ALLE VOSTRE DOMANDE
ASCOLTEREMO LE VOSTRE PROPOSTE

Primo “QUESTION TIME DEL CITTADINO" venerdì 12 dicembre, alle ore 21, presso i locali della Sala Guazzelli di Gallicano.
Vi aspettiamo

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

"Mai più sole" - Spettacolo di musica e parole contro la violenza sulle donne e il femminicidio


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Stasera non perdetevi diMartedì su La7

Stasera tutti collegati su La7 sul programma di Floris "diMartedì": intervista al Sindaco di Gallicano e altri!

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

domenica 23 novembre 2014

Tanta gente alla mondinata del Monticello

In una calda domenica di novembre si è svolta, alla casina del latte a Gallicano, la mondinata organizzata dal Rione Monticello. Una grande festa che ha attirato molta gente anche proveniente da altri paesi. Bravi ragazzi!




Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Le Voci del Cuore 2014 - Il Coro delle Alpi Apuane in "Come porti i capelli bella bionda"

Ogni anno i cori partecipanti a "Le Voci del Cuore", evento organizzato da "Gli Amici del Cuore della Valle del Serchio, sono sempre più bravi.

Queste sono le foto dei Cori che hanno partecipato alla serata.

Corale Polifonica di Gallicano
Schola Cantorum "Don Carmine Chesi" - Bolognana
Schola Cantorum Fornaci di Barga
Corale SS. Pietro e Paolo - Ghivizzano

Io (apuano) ho un debole per il "Coro delle Alpi Apuane"… ecco un brano della loro esibizione.



Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

sabato 22 novembre 2014

Tanti Sabatini oggi a Fiattone

I Sabatini di oggi a Fiattone erano veramente un bel gruppo! 
Circa 20 persone, divise in 2 squadre, hanno terminato i lavori di stuccatura della pavimentazione in Via San Pietro e ripulito circa 1 chilometro della strada asfaltata principale. 
Ottimo, come sempre, il pranzo al circolino preparato dalle donne del paese.

Sabato prossimo, tempo permettendo, i Sabatini saranno a Campo. Chiunque volesse partecipare è ben accetto!!

I Sabatini del 22-11-2014: foto di gruppo



Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Il bocciodromo all'A.S.D. Impianti Sportivi Gallicano fino al 31/12/2015


Per fare la storia del Bocciodromo di Gallicano si dovrebbe risalire a prima del 1990, quando l'attività veniva svolta nella struttura che nel paese è conosciuta come "Pallone" e che a quel tempo era posizionata dove sorge l'attuale impianto. Negli anni, l'attività sportiva e anche amatoriale è andata sempre più diminuendo fino alla definitiva scomparsa; neanche i diversi Consigli di Gestione, succeduti, numerosi, sono riusciti a rendere smalto alla bocciofila. 
Per tentare di riportare/promuovere un'attività sportiva dentro quell'impianto, che resta sempre un’ottima struttura seppur bisognosa di diversi lavori di manutenzione, alcune persone si sono proposte all'attuale Amministrazione Comunale, dichiarando la propria disponibilità a costituirsi in Associazione qualora la stessa Amministrazione avesse ritenuto d'interesse questo nuovo progetto. 
L'Amministrazione ha quindi deciso di affidare, per un periodo transitorio con scadenza 31.12.2015, la gestione dell'impianto all'A.S.D. Impianti Sportivi Gallicano, costituitasi nel frattempo con il seguente Consiglio di Gestione: 
Ferruccio Bertoli, presidente; Raul Suffredini, vicepresidente; Corti Mirio, segretario; Sergio Romiti, consigliere; Valter Lucchesi, consigliere. 
 L’Atto Costitutivo e lo Statuto sono esposti presso il bar della struttura insieme al modello di domanda per chiunque volesse diventarne socio. 

“Nel giro di poco tempo presenteremo all'Amministrazione un progetto che preveda la possibilità di diverse attività sportive e ricreative per un uso appropriato di una struttura così importante per il nostro paese – dice Ferruccio Bertoli - Non è un ritorno solo per me, se guardiamo bene i primi tre nominativi dell'attuale Consiglio di Gestione, sono gli stessi con cui partimmo con la gestione della "Polisportiva Impianti di Gallicano", ma nessuno spirito di rivincita, né mio, né di altri, solo l'interesse di fare il bene della comunità, come sempre”.

Fonte: La Gazzetta del Serchio - Simone Sartini

Il bocciodromo era gestito dall'ASD Avventuraviva da giugno 2013 (leggi qui).

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

giovedì 20 novembre 2014

IMU sui terreni agricoli anche nei Comuni Montani

Articolo di Luca Cinotti del Tirreno.

La stangatina di (quasi) Natale è servita: un decreto del ministero dell’economia porterà sotto l’albero a centinaia, forse migliaia, di proprietari di terreni agricoli l’obbligo di pagare l’Imu sui propri appezzamenti. Una novità (che dovrebbe presto essere pubblicata in Gazzetta Ufficiale) che colpirà gran parte dei nostri comuni che fino ad ora erano esenti e che da un giorno all’altro si troveranno invece nell’elenco di quelli dove tutti pagano l’Imu o, al massimo, l’esenzione vale solo per coltivatori diretti e imprenditori agricoli.

La regola, finora, era piuttosto semplice: nei comuni montani (la gran parte di quelli in provincia di Lucca), nessuno pagava. In quelli “parzialmente montani”, non pagava chi effettivamente si trovava in territori ad altitudine elevata. In quelli non montani, pagavano tutti.

Ora, per recuperare un po’ di soldi per coprire il bonus degli 80 euro, le cose sono cambiate. Conterà soltanto l’altitudine del centro principale del Comune, così come certificato dall’Istat: se siamo sopra i 600 metri, esenzione totale. Tra i 281 e i 599 esentati solo ci coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali. Al di sotto, pagano tutti.


L’incrocio fra le vecchie e le nuove regole penalizzano la quasi totalità dei nostri Comuni. L’esenzione totale, infatti, resta solo in alcuni centri dell’alta Garfagnana: Careggine, Giuncugnano, Minucciano e Sillano. Un’altra nutrita pattuglia passa invece dall’esenzione totale a quella riservata ai professionisti: si tratta di Barga, Camporgiano, Castiglione, Coreglia, Fabbriche di Vergemoli, Fosciandora, Molazzana, Pescaglia, Piazza al Serchio, Pieve Fosciana, San Romano, Vagli, Villa Basilica e Villa Collemandina. I due comuni principali, Capannori e Lucca (finora classificati come parzialmente montani) ricadranno anch’essi nell’esenzione parziale. Ma peggio di tutti va a chi passerà dalle stelle alle stalle, cioè della massima esenzione al “massimo pagamento”: si tratta di Bagni di Lucca, Borgo a Mozzano, Castelnuovo e Gallicano. Continuerà a pagare la totalità dei contribuenti, invece, ad Altopascio, Montecarlo e Porcari.

Al di là della cifra da sborsare, quello che fa arrabbiare è il fatto che ancora una volta vengono cambiate le carte in tavola: il pagamento, cioè, è previsto già da questo 2014. E quindi chi - giustamente - non aveva pagato nulla con la rata di giugno si troverà a sborsare tutto entro il 16 dicembre, per non incorrere in sanzioni. Una vera e propria corsa contro il tempo, visto che alla scadenza mancano, esclusi i festivi, solo 18 giorni. E, ovviamente, non è nemmeno lontanamente immaginabile che i Comuni mandino bollettini prestampati.

Ma quanto si pagherà per questa nuova-vecchia tassa? L’aliquota è stabilita dai comuni (la base è al 7,6 per mille) e la base imponibile viene calcolata a partire dalla rendita dominicale rivalutata del 25% moltiplicata per 135 o per 75 nel caso di coltivatori “professionali”. Questi ultimi, inoltre, hanno diritto a riduzioni sulla base di scaglioni progressivi e pagano l’intero importo solo sopra il valore imponibile di 32mila euro.

Interessante anche quest'articolo di Matteo Barbero apparso ieri su Italia Oggi.


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Volantino 10^ Skyrace Alpi Apuane


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

mercoledì 19 novembre 2014

Baldacci Giulio nuovo Presidente del Gruppo Sbandieratori e Musici di Gallicano

Giulio Baldacci
Il 9 novembre si sono svolte l'elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo del Gruppo Sbandieratori e Musici di Gallicano per il biennio 2015-2016.
Questi sono stati i risultati:

  • 26 Baldacci Giulio
  • 25 Pieri Iacopo
  • 23 Baldacci Tommaso
  • 21 Ulivi Paolo
  • 20 Adami Paolo
  • 20 Calamari Alessandro
  • 20 Castelli Carlo
  • 20 Ulivi Marco
  • 18 Pinocci Alessandro
  • 12 Biagioni Giulia
  • 11 Giunta Danny
  • 09 Onesti Francesca

Ieri, 18 novembre 2014, presso la sede di Via Cavour il neo eletto Consiglio ha definito le cariche per il biennio 2015-2016:

  • Presidente: BALDACCI GIULIO
  • Vice Presidente: CASTELLI CARLO e PIERI IACOPO
  • Segretario: ULIVI PAOLO
  • Cassiere: CALAMARI ALESSANDRO
  • Consiglieri: ADAMI PAOLO, BALDACCI TOMMASO e ULIVI MARCO

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

"La Regione azzeri i vertici del Parco delle Apuane, tifano per il marmo"

Interessante articolo di Mario Neri della Repubblica sulle Alpi Apuane.


Legambiente Toscana chiede alla giunta Rossi di fermare 13 nuove escavazioni nella riserva naturale e di cacciare presidente e direttore. "Sono inadeguati, fanno gli interessi degli imprenditori". Ma l'ente risponde: "Otto di quelle richieste già bocciate".

“La Regione azzeri i vertici del Parco delle Apuane e cacci presidente e direttore dell’ente regionale". Alberto Putamorsi e Antonio Bartelletti, "sono inadeguati a svolgere il loro ruolo di tutela e valorizzazione perché tifano per il marmo”. Durissimo l'attacco di Legambiente Toscana. 
Quello che chiede l’associazione ambientalista alla giunta Rossi è molto di più di un commissariamento. E lo fa con una lettera in cui denuncia “la distruzione delle Alpi Apuane e dei suoi acquiferi carsici” ad opera delle cave. Non solo. Gli ambientalisti chiedono al governatore di revocare al Parco le deleghe sulle autorizzazioni e sulle concessioni ai bacini marmiferi.

Riaperture, ampliamenti, fusioni di cave dismesse, sbancamenti di nuovi versanti, nuovi ravaneti, dilavamenti di terre e marmettola starebbero minacciando una delle riserve naturali più importanti della Toscana. Soprattutto rischierebbero di compromettere gli acquiferi carsici e i circhi glaciali da cui proviene l’acqua per molte delle sorgenti utilizzate come risorse idropotabili per tutta l’area che va dalla Lunigiana alla Versilia, passando per Carrara e la Garfagnana “Si tratta davvero del parco regionale più importante - dice il presidente di Legambiente Toscana, Fausto Ferruzza - visto che il 51% della biodiversità regionale è custodita dentro i suoi confini. 
Quest’area è sotto attacco, va fermata la distruzione delle Apuane da parte dell’attività estrattiva. Basti considerare che solo il 13,6% delle escavazioni producono blocchi, il restante 86,4% sono detriti e polveri che ostruiscono o filtrano nelle cavità carsiche, creando un enorme danno ambientale alle montagne”.

A rafforzare questa convinzione ci sarebbero - secondo Legambiente - 13 richieste di nuove autorizzazioni a cui il parco delle Apuane starebbe per dare il via libera. Tredici relazioni con cui le ditte avrebbero chiesto ampliamenti, fusioni fra cave, varianti ai piani di coltivazione e riapertura di bacini marmiferi abbandonati e che l’associazione ha raccolto in un dossier di oltre 100 pagine
Tutti permessi che se venissero concenssi, sostiene Antonio Nicoletti, responsabile nazionale aree protette, ”andrebbero in violazione della direttiva europea Habitat” e in parte anche delle norme di salvaguardia entrate in vigore con l’adozione del discusso piano paesaggistico.

Ma dal Parco delle Apuane frenano. “Di quelle 13 richieste, 8 sono già state bocciate - dicono dagli uffici dell'Ente Parco - 5 ritenute inammissibili, 3 decadute o perché ritirate o perché gli imprenditori non hanno inviato nei tempi stabiliti le integrazioni che avevamo richiesto. Peraltro, 4 delle ditte che si sono viste negare l'autorizzazione per inammissibilità legate anceh alla non conformità alle norme del piano paesaggistico, hanno già fatto ricorso al Tar. 
Soltanto due hanno ricevuto il via libera ma con un ridimensionamento sostanziale delle prospettive di ampliamento e sviluppo prospettate nei progetti iniziali”.

Botta e risposta. "Fateci vedere le carte", replicano subito da Legambiente, che aggiunge: "Non è ammissibile che un Parco Regionale, per di più in Toscana, interpreti a favore dell'escavazione speculativa le Direttive europee per la biodiversità e i principi che stanno alla base della sua inclusione nella Rete Europea e Globale dei Geoparchi - dice Nicoletti - Se le richieste appena formulate non fossero pienamente attese, a Legambiente non rimarrebbe che segnalare alla Ue la violazione delle Direttive di Natura 2000 e proporre l'esclusione delle Alpi Apuane dalla Lista dei Geoparchi europei. Non solo, fra poco presenteremo insieme ad Italia Nostra un dossier all'Europa per chiedere l'apertura di una procedura di infrazione".

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Piscina comunale: il sindaco Saisi risponde all'interrogazione del consigliere Adami

Il Sindaco Saisi risponde all'interrogazione sulla piscina comunale presentata dal consigliere di minoranza Adami partendo dal 2003 (fonte: Gallicano News)

Al consigliere comunale capo gruppo “Uniti per Gallicano”

Oggetto: Risposta all'interrogazione del 20 ottobre 2014

Il gruppo consiliare da Lei rappresentato ha presentato in data 20 ottobre scorso un’interrogazione (acquisita al protocollo al n. 8624) relativa alla gestione della piscina comunale del capoluogo.
Per rispondere adeguatamente all'interrogazione si ritiene necessario illustrare contestualmente le determinazioni assunte dall’amministrazione comunale e gli atti gestionali che hanno condotto all’attuale situazione degli impianti sportivi del capoluogo con la chiusura temporanea dell'impianto natatorio.
Con convenzione in data 11 settembre 2003 (n. 26) gli impianti sportivi del capoluogo venivano affidati in gestione all’associazione Polispostiva di Gallicano per la durata di cinque anni prorogati sino all’anno 2010. L’amministrazione comunale in tale anno esprimeva l’indirizzo (formalizzato con deliberazione G.C. n. 107 del 9 novembre 2010) di scorporare la gestione della piscina dal resto degli impianti sportivi del capoluogo affidando tale gestione mediante gara pubblica. La scelta si fondava sulla presunta potenzialità economica dell’impianto natatorio che motivò anche l’imposizione di un canone a carico del soggetto gestore.
La gestione degli altri impianti sportivi del capoluogo (campi da tennis, campo di calcetto, bocciodromo, tensostruttura e servizi annessi) veniva invece congiuntamente affidata a trattativa privata per la durata di sei anni all’ASD Tennis Club e all’ADS Bocciofila, aventi ambedue sede in Gallicano; la convenzione sottoscritta il 13 settembre 2011 con tali associazioni prevedeva un contributo da parte del comune di € 12.000 annui per i primi tre anni (finalizzato per € 9.000 al pagamento delle rate di ammortamento del mutuo contratto dalle associazioni stesse per opere di adeguamento degli impianti affidati) e, per gli ulteriori tre anni, un contributo annuo di € 3.000 oltre a eventuali contributi facoltativi per l’amministrazione.
L’affidamento della gestione della piscina comunale fu disposto, a seguito di pubblica gara, a favore dell’associazione AQUAE PISCINE ASD, con sede in Bagni di Lucca, per un periodo di sei anni, con l’obbligo per il gestore del pagamento di un canone complessivo di 121.200,00 euro, oltre IVA (determina n. 524 del 19 luglio 2011 adottata dal settore amministrativo).
L’associazione Aquae Piscine in data 18 novembre 2011 esercitava l’azione di recesso unilaterale dalla convenzione motivata dall'impossibilità di far fronte agli impegni assunti in sede di gara.
Per inciso, dal giugno 2014 l'amministrazione comunale si è impegnata con successo per il trasferimento di titolarità delle convenzioni - Scambio sul posto e Conto Energia - relative all'impianto fotovoltaico di cui risultava ancora inspiegabilmente titolare, a distanza di tre anni dal recesso, il gestore recedente AQUAE PISCINE ASD.
Per garantire continuità alla gestione l’amministrazione affidava la gestione in via provvisoria all’ASD NUOTO di Gallicano; l’atto convenzionale con tale associazione (sottoscritto in data 24 novembre 2011) prevedeva che le spese di gestione fossero a carico del comune e che il medesimo introitasse le tariffe degli utenti (configurandosi sostanzialmente quindi appalto di servizi). La durata della convenzione con l’ASD NUOTO veniva prorogata sino al 30 settembre 2012 “al fine di acquisire elementi contabili essenziali per la predisposizione di un piano finanziario annuale propedeutico all'espletamento delle procedure di evidenza pubblica per l’affidamento in via definitiva dell’impianto”. In esecuzione delle direttive approvate con deliberazione della Giunta Comunale n. 61 del 25 settembre 2012 l’impianto natatorio veniva affidato in gestione, sempre a seguito di gara, all’ASD Avventura Viva con sede in Gallicano; la convenzione sottoscritta in data 11 giugno 2013 con l’ASD Avventura Viva (della durata di anni 4) prevedeva a carico del soggetto gestore un canone annuo di € 9.624 e l’esecuzione di lavori di manutenzione straordinaria dell’impianto per un importo di € 12.000 annui e quindi per complessivi € 48.000; alla stessa ASD Avventura Viva veniva affidata, con convenzione sottoscritta il 13 giugno 2013, in esecuzione della deliberazione della giunta comunale n.33 del 28 maggio 2013, anche la gestione del bocciodromo.
Nel mese di giugno 2014 l’amministrazione comunale concordava con l'ASD Avventura Viva un piano per la rateizzazione, nei successivi mesi di luglio e di agosto, delle somme arretrate, di ingente entità, dovute al Comune di Gallicano per canoni ed utenze; tale accordo prevedeva anche l’impegno da parte del soggetto gestore all’esecuzione delle opere di manutenzione straordinaria e di adeguamento dell’impianto offerte in sede di gara (impegno risultato, tra l’altro, decisivo per l’aggiudicazione della concessione).
A partire dal settembre 2014 l’ASD Avventura Viva evidenziava in via informale le criticità della gestione della piscina e l’impossibilità di far fronte agli impegni assunti con l’accordo di cui sopra; nello stesso periodo l'ASD Avventura Viva sollecitava l’amministrazione comunale ad esaminare una proposta di intervento per la continuità della gestione; tale proposta generica, pervenuta in via informale, prevedeva l'ingresso del proponente all'interno dell'ASD Avventura Viva, un'azione di sostegno (pagamento delle somme dovute al comune per canoni e pagamento di utenze pregresse) a favore della stessa associazione chiedendo in cambio nuove condizioni di affidamento, tra cui l’azzeramento del canone a favore del comune e il prolungamento per ulteriori dieci anni della durata della concessione.
Al fine di valutare concretamente la proposta, l’amministrazione comunale richiedeva al proponente adeguate garanzie per il rispetto degli impegni assunti in via informale e per la realizzazione dei lavori proposti dall'ASD Avventura Viva in sede di gara (valore di euro 48.000). Successivamente a tale richiesta la proposta veniva ritirata.
L’ASD Avventura Viva comunicava, in data 7 ottobre 2014, la rinuncia alla gestione dell'impianto natatorio del comune di Gallicano.
I competenti servizi, a seguito dell’azione di recesso, eseguivano in data 15 ottobre u.s. il sopralluogo al fine di verificare lo stato di fatto della piscina.
Dall’esito del sopralluogo emergeva una serie di criticità strutturali e funzionali dell’impianto natatorio derivanti sostanzialmente dalla mancata esecuzione delle necessarie opere di manutenzione e di adeguamento da parte del comune (in via principale e/o sussidiaria) e dei vari soggetti gestori susseguitisi nel tempo.
Le maggiori criticità vennero individuate a carico del locale tecnico della caldaia, ove risulta ancora oggi necessario effettuare una serie di lavori ritenuti improrogabili e urgenti al fine di ripristinare le condizioni idonee per un nuovo affidamento. Per l'esecuzione dei predetti lavori straordinari si rese opportuna la chiusura dell'impianto natatorio.

La giunta comunale, con deliberazione n. 91 del 23 ottobre 2014, prendeva atto del recesso da parte dell’ASD Avventura Viva e dell’esito del sopralluogo eseguito, approvava gli indirizzi per la gestione degli impianti sportivi come segue:
predisporre un piano generale, corredato da un crono programma, degli interventi di riqualificazione e di adeguamento dell’impianto natatorio da attuare, compatibilmente con le risorse disponibili, a stralci esecutivi con priorità per le opere finalizzate al mantenimento e alla conservazione della struttura e degli impianti connessi;
prevedere la chiusura temporanea dell’impianto natatorio in correlazione all'esecuzione, degli interventi considerati urgenti ed indifferibili, come individuati dal competente servizio (con priorità assoluta alle opere riguardanti d gli impianti tecnici a servizio della piscina e del bocciodromo);
individuare, nelle more della concessione in gestione dell’impianto natatorio, l’affidatario temporaneo della gestione del bocciodromo attribuendo priorità alla associazioni sportive dilettantistiche locali che abbiano manifestato interesse in tal senso e di determinate clausole essenziali (concessione senza obbligo di pagamento del canone d’uso a favore dell’amministrazione comunale, ad eccezione di un canone ricognitorio di € 100 annuali; pagamento a carico dell’affidatario di tutte le utenze, con esclusione dei consumi idrici sino alla separazione del rilevatore dei medesimi da quello dell’impianto natatorio; 
oneri a carico dell’affidatario per le opere di manutenzione e gestione ordinaria; durata dell’affidamento limitata al tempo necessario all'individuazione del soggetto gestore dell’impianto natatorio). 
In esecuzione della citata deliberazione è stata disposta in via provvisoria la chiusura dell’impianto natatorio e il competente settore tecnico ha avviato contestualmente le procedure per la progettazione dei lavori di manutenzione e adeguamento degli impianti in questione. In tempi brevi saranno definite dall'amministrazione le modalità di copertura della relativa spesa per un importo complessivo presunto di € 75.000.
Ad avvenuta esecuzione dei suddetti lavori (e comunque almeno di quelli ritenuti urgenti ed indifferibili) l’amministrazione procederà all'affidamento della gestione della piscina individuando in via prioritaria il soggetto gestore tra le associazioni sportive locali attivando, qualora manifestino interesse al riguardo più associazioni, procedure di comparazione delle condizioni di gestione proposte.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

lunedì 17 novembre 2014

Piscina comunale … e il lume fu fatto!

Dal gruppo facebook "Gallicano News" arriva la "bordata" a "Uniti per Gallicano".

Il Gruppo di opposizione “Uniti per Gallicano” ha presentato, nei giorni scorsi, un’interrogazione circa la gestione della piscina comunale del capoluogo.


Premesso che come Amministrazione risponderemo in forma ufficiale al quesito posto nelle forme e nei tempi previsti dai regolamenti, riteniamo però giusto utilizzare gli stessi canali utilizzati dall’opposizione nel formulare le richieste anche in altre sedi (web e stampa).
Questo per far si che la situazione venga ben compresa non solo da chi ci ha amministrato fino a maggio scorso (e che solo per questo dovrebbe essere ben al corrente dello stato dei fatti), ma soprattutto, dai Gallicanesi. Non neghiamo che l’interrogazione ci abbia colto di sorpresa, non perché impreparati ma, al contrario, perché Uniti per Gallicano ha amministrato il paese fino a pochi mesi fa e non può non conoscere le condizioni dell’impianto.
Come i gallicanesi, purtroppo, ben sanno la piscina è stata, nel corso degli anni data in gestione a diverse associazioni che immancabilmente, nel giro di pochi mesi, si trovavano nell’impossibilità di utilizzare in modo produttivo l’impianto recedendo dal contratto.
Ogni volta che tale situazione si è verificata si è andati incontro non solo a un disservizio ma anche ad una perdita per le casse comunali sia in termini di mancato avviamento (non è mai stato possibile instaurare un rapporto duraturo con l’utenza) sia in termini di costi "vivi".
A ottobre, quando c’è stato l’ultimo recesso, la situazione in cui è stata trovata la piscina era tale da renderla inutilizzabile.
Per cui avevamo due possibilità:
  1. comportarsi come la vecchia amministrazione ed indire una gara, imponendo ai nuovi gestori di compiere tutta una serie di lavori e pagare un canone, rischiando di trovarci in analoga situazione entro pochi mesi; 
  2. optare per una operazione di recupero della struttura, effettuando i lavori necessari per rendere gestibile la piscina e poterla poi affidare ad un’associazione (possibilmente locale) concordandone le modalità di utilizzo. 
Noi abbiamo scelto la seconda opzione.
Questo richiederà uno stop di qualche tempo che permetta all’impianto di riprendere a funzionare a pieno regime, in maniera produttiva per l’ente, per chi ci lavora e per chi la frequenta.
Ribadiamo come ci abbia stupito questa interrogazione visto che l’ultimo gestore era un membro dello stesso gruppo che ci pone il quesito, addirittura candidato sindaco delle primarie.
E' innegabile che, avendo ereditato la situazione della piscina dall'amministrazione Adami, se avessimo voluto strumentalizzare l'argomento per pura propaganda elettorale, potevamo tranquillamente farlo. Al contrario, avevamo preferito tacere perché la gestione superficiale dell’impianto natatorio ha rappresentato una sconfitta non solo per chi ci ha preceduto ma per il paese intero.
Purtroppo la piscina, negli ultimi anni, ha creato perdite senza fornire nemmeno un servizio continuativo e di buona qualità.

P.S. per l'improvvisa voglia di nuotare che è sbocciata in qualcuno il rammarico è tanto, se le veniva prima magari si accorgeva di come andavano le cose e la sua amministrazione e i suoi compaesani ci rimettevano di meno

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Mondinata Monticello - domenica 23 novembre 2014


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

domenica 16 novembre 2014

Vecchia cartolina di Gallicano

Una vecchia cartolina che non avevo mai visto: casa mia vista dalla Villa Simonini.


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Comune di Gallicano: il saldo TARI va versato entro il 30 novembre

In questi giorni sta arrivando nelle case dei cittadini gallicanesi il bollettino con il saldo della TARI anno 2014, da pagare entro il 30 novembre, accompagnato da questa lettera.




Ho preparato questo schema in cui potete paragonare il tributo sui rifiuti di quest'anno con l'anno 2013 (clicca qui per il programmino).

La riduzione  è dovuta al fatto che quest'anno il contribuente non paga più 30 centesimi al metro quadrato per i servizi indivisibili (per questi servizi lo Stato ha istituito la TASI). 

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

sabato 15 novembre 2014

Vittoria sofferta degli Amatori Gallicano contro il Bar Tre Cancelli

Vittoria sofferta e di misura per gli Amatori Gallicano al S. Toti contro un mai domo Bar Tre Cancelli su un campo al limite della praticabilità.
Gallicano subito in vantaggio con un bel gol di Fabbri Andrea dopo una triangolazione con Frulletti. Gli ospiti giocano meglio e colpiscono 2 volte la traversa.
Nel finale Benelli sbaglia clamorosamente un calcio di rigore e all'ultimo secondo Cardosi salva il risultato deviando ancora sulla traversa un tiro della squadra ospite.

Questo il video del rigore.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

I Sabatini puliscono Via San Leonardo

Rimandata a causa del mal tempo la conclusione dei lavori di stuccatura a Fiattone, stamani i Sabatini sono stati impegnati su due fronti: Via San Leonardo da Porto Maurizio (strada che da Falce porta a San Jacopo) e un tratto della Via per Fiattone con pulitura delle chiaviche e delle cunette da terra e fogliame.



Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !