giovedì 26 marzo 2015

A ruba le iscrizioni alla Garfagnana EPIC

Il 30 e il 31 maggio 2015 la Garfagnana (LU) diventerà terreno di conquista per gli amanti della mountain bike. Il tracciato, tra i più duri e spettacolari d'Italia, prevede 140 chilometri di sentieri tra le Alpi Apuane e l'Appennino tosco-emiliano e 5.000 metri di dislivello.

In molti si sono già iscritti!!

Ecco l'elenco dei partecipanti aggiornato al 26 marzo 2015.





Per maggiori informazioni visita il sito www.garfagnanaepic.com

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

mercoledì 25 marzo 2015

Tanti auguri Mina!!

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Partiti i lavori per il recupero di strade forestali a Verni, Trassilico e Chieva

Sono partiti i lavori per il miglioramento e il recupero di strade interpoderali, vicinali e forestali nel comune di Gallicano in seguito all'adesione al Programma di Sviluppo Rurale (P.S.R.) 2007/2013 della Regione Toscana. La misura n. 125/a “Miglioramento e sviluppo delle infrastrutture in parallelo con lo sviluppo e l’adeguamento dell’agricoltura e della silvicoltura”, ha consentito di investire sul territorio euro 170.000,00 in particolare nelle frazioni di Verni, Trassilico e Chieva. 



Nello specifico il progetto prevede il recupero e la sistemazione della viabilità “Trassilico - Foce Pompanella” nel tratto iniziale fino al cimitero di Trassilico, il tratto “Casamento” sempre nella frazione di Trassilico, il tratto “Verni - Pian di Lago”, la strada vicinale di “Capraleccia” nella frazione di Verni e la strada vicinale nella frazione di Chieva . 
” Abbiamo migliorato e concretizzato il progetto grazie alla collaborazione con il nostro ufficio tecnico; - afferma l'assessore ai lavori pubblici Dino Ponziani - l'opera è finanziata con il contributo regionale di 132.915,06 euro e con stanziamento sul nostro bilancio di 37.084,94 euro.”

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Documento di apertura del forno di Gallicano del 1900


Un documento storico datato 27 ottobre 1900 con cui il mio trisavolo Saisi David portava a conoscenza il Comune di Gallicano dell'apertura in Castello di un forno con spiano di pane. 
Comunicava inoltre di apporre il timbro sul pane di sua fabbricazione con le iniziali S - D.

E se il timbro (incisione) avesse avuto lo scopo anche di favorire la lievitazione del pane?

Ringrazio Claudia Da Prato per avermi inviato questo documento.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

martedì 24 marzo 2015

Online il portale delle Entrate dedicato al 730 precompilato


In prossimità del debutto del nuovo modello, ieri l’Agenzia ha inaugurato un portale dedicato al 730 precompilato. Il sito accompagna il cittadino nel nuovo percorso semplificato della dichiarazione dei redditi. 
Sono indicati i passi da seguire, le risposte ai quesiti più ricorrenti, ricordare e i canali di assistenza disponibili che, in vista della partenza dell’operazione precompilata, per accompagnare i cittadini interessati. 
Inoltre, è disponibile una finestra Multimedia sui canali istituzionali e social media.


Clicca qui per accedere al sito

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Modello 730 - circolare n. 11/E del 23 marzo 2015

Con la circolare n. 11/E del 23 marzo 2015 l’Agenzia delle entrate ha fornito una sorta di vademecum sui contenuti del nuovo 730 precompilato, con l’obiettivo di fornire indicazioni dirette e di carattere pratico ai contribuenti.

Clicca qui per scaricare la circolare

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Ristrutturazioni edilizie - il limite di 96.000 euro

Dal 2000 e sino al 2013, ho effettuato vari interventi di ristrutturazione della mia abitazione, ciascuno supportato da separata e specifica autorizzazione amministrativa, beneficiando di volta in volta della detrazione al 36%, 41% o 50%. Quest'anno dovrei effettuarne uno ulteriore, sempre in base ad una autonoma autorizzazione e con questo, sommato a tutti i precedenti, andrei a superare il totale di 96.000 euro. Non mi è chiaro se il limite di 96.000 euro, sia riferito a ogni singolo intervento o alla somma di tutti gli interventi fatti sullo stesso immobile. 

Nel caso di specie, il contribuente ha eseguito differenti lavori negli anni 2000-2013 (36%, 41%, 50%), tutti abilitati da distinti provvedimenti urbanistici, anche se trattasi di interventi eseguiti sullo stesso immobile. Tra gli interventi non sussiste continuità, come se fosse un unico intervento, ma sono differenti, abilitati da distinti provvedimenti urbanistici. In tal caso, il limite massimo cui commisurare la detrazione (attualmente 96.000 euro, articolo 16 bis Tuir 917/86 e articolo 1, comma 139, legge 147/2013) è da calcolare autonomamente in quanto non si tratta di prosecuzione degli interventi eseguiti gli anni precedenti. Pertanto, per ciascun intervento il limite si calcola separatamente anche se complessivamente, sommando tutti gli importi si superano i 96.000 euro.

Fonte: L'esperto Risponde - Il Sole 24 Ore

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

lunedì 23 marzo 2015

Alpi Apuane in MTB: il Monte Forato

Partire da casa, nel mio caso Gallicano, ed arrivare con le proprie gambe in circa 2 ore sul Monte Forato non ha prezzo!
Ho descritto più volte questa uscita, ma oggi c’è una "piccola" variante: il rientro per il sentiero CAI 12.



Da Gallicano, percorrendo il percorso fluviale Alessandro Valentini e passando da Panicaglia, dopo 9,4 chilometri arriviamo a Fornovolasco.

Fornovolasco, il paese della Sky Race
Proseguiamo per la Grotta del Vento per circa 1 chilometro e poi svoltiamo, poco prima del Ristorante Il Tinello, per la strada sterrata che troviamo sulla nostra sinistra.

Segheria
Dopo circa 2 chilometri, nei pressi del cimitero di Petrosciana, svoltiamo a sinistra e continuiamo per altri 2 chilometri con pendenze impegnative fino ad arrivare al "Rifugio del Vichi" (rifugio non ancora inaugurato) in Loc. Casa del Monte.

Bivio nei pressi del cimitero di Petrosciana
Strada per la Casa del Monte

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Inaugurazione palestra di arrampicata - sabato 28 marzo 2015

Sabato 28 marzo alle ore 16 verrà inaugurata a Castelnuovo di Garfagnana, presso la palestra delle scuole in Via Fabrizi (Carbonaia), una palestra da arrampicata. L'impianto sarà gestito dall'A.S.D. L'Apunao Appeso.


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Convocazione ordinaria Consiglio Comunale 26/03/15


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

sabato 21 marzo 2015

MTB CAI Lucca organizza per sabato 11 aprile l'escursione "I ponti dei cavatori"


Escursione sulle colline lucchesi, ai piedi dell’Altopiano delle Pizzorne, che ci vedrà impegnati su sentieri, rughe, carrarecce e vecchie mulattiere le quali ci consentiranno di “esplorare” in lungo e in largo queste zone. 
Oltre ad andare a scoprire i vecchi ponti sui torrenti Fraga e Fraghetta, che un tempo utilizzavano i cavatori di Matraia per recarsi alle cave dove ancora oggi viene estratta la preziosa Pietra, visiteremo anche il Santuario della Madonna del Castellaccio, sito in posizione molto panoramica.
Attraverso un meraviglioso paesaggio naturale fatto di dolci colline, antiche strade, vigneti e piccole pievi di campagna con i loro graziosi campanili, avremo la possibilità di attraversare i parchi di alcune dimore storiche normalmente chiuse al pubblico, come la Specola, antico osservatorio astronomico voluto da Maria Luisa di Borbone e progettato da Lorenzo Nottolini al fine di ampliare il prestigio e le conoscenze scientifiche del Ducato di Lucca.
L’escursione proseguirà fra sterrati e grandi prati, attraverso le frazioni di Camigliano, Sant’Andrea e Tofori, in un continuo saliscendi scandito dai torrenti Sana e Dezza e dalle essenze secolari delle conifere di Villa Bruguier. 
Dopo una breve sosta, ospiti della moderna cantina di vinificazione di Fubbiano, riprenderemo la via del ritorno percorrendo parte dell’itinerario ciclistico denominato “Tour delle Ville”.

Lungo l’intero percorso sarà possibile fare rifornimento di acqua.

Termine iscrizioni: giovedì 9 aprile ore 18.00

Difficoltà: BC/BC (buone capacità tecniche);
Tempo di percorrenza: 5 ore circa;
Lunghezza: 40km circa;
Dislivello: +/- 1100m circa;
Ciclabilità salita: 100%;
Ciclabilità discesa: 100%;
Orari: ritrovo ore 8.30 – partenza ore 9.00;
Trasporto: mezzi propri;
Ritrovo: Marlia, Piazza Aldo Moro 6 (Piazza del Mercato) (LU);
Direttore: Daniele Benedetti;
Info: Elìa Serafini 328 7054066 – mtb@cailucca.it

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

TFR in busta paga: oggi tasse più alte, domani pensione più bassa

Incassare il Tfr ogni mese comporterà una riduzione dell’importo che verrà liquidato alla fine della carriera lavorativa. Ma questa ovvia conseguenza non è l’unica da prendere in considerazione per scegliere se sfruttare l’opzione introdotta dalla legge di stabilità. 
Il trattamento di fine rapporto, su base annuale, è pari alla retribuzione diviso 13,5. Tenuto conto che la liquidazione mensile non partirà prima del prossimo mese e terminerà a giugno 2018, il gruzzolo accantonato a fine carriera sarà alleggerito fino a un massimo di 39 mensilità rispetto a chi continuerà ad accantonarlo lasciandolo in azienda o presso il fondo di tesoreria dell’Inps (se dipendente di imprese con almeno 50 addetti). A
 questi importi va aggiunta la relativa rivalutazione annuale che, per legge, è pari al 75% dell’inflazione più l’1,5% fisso. Sull’incremento viene applicata un’imposta fissa del 17%, mentre l’ammontare finale è tassato applicando l’aliquota relativa alla media dei redditi degli ultimi cinque anni, quindi almeno il 23 per cento. Per effetto della rivalutazione annuale, il “buco” sarà più consistente per chi ha davanti ancora molti anni prima della pensione. Per quanto riguarda invece gli importi incassati mensilmente, si deve tener presente che gli stessi contribuiranno a determinare l’imponibile fiscale complessivo, che quindi nel periodo considerato sarà più elevato, e tassato con l’aliquota Irpef ordinaria. Ne consegue che per i redditi più alti la tassazione potrà arrivare al 38% o superare il 40 per cento. Di conseguenza buona parte del Tfr pagato dal datore di lavoro se ne andrà in tasse. 
Inoltre, e questo aspetto è importante per i redditi più bassi, l’incremento dell’imponibile fiscale complessivo potrebbe compromettere l’accesso ad alcune prestazioni agevolate, con l’eccezione del bonus da 80 euro, per il quale il Tfr mensile è neutro. Se invece che essere lasciato in azienda (o presso il fondo di tesoreria dell’Inps), il trattamento di fine rapporto è conferito a un fondo pensione, il gap potrebbe essere ancora più consistente. In quest’ultimo caso, infatti, la tassazione degli importi liquidati a scadenza oscilla tra il 9 e il 15% in modo inversamente proporzionale agli anni di contribuzione. L’aliquota applicata sulla rivalutazione, invece, è sostanzialmente del 20 per cento. Però proprio la rivalutazione, a differenza del Tfr lasciato in azienda, non è prefissata per legge, ma oscilla in base al rendimento degli investimenti effettuati dal fondo. 
Quindi può essere minore o maggiore. In quest’ultimo caso, sospendere la contribuzione per un periodo fino a 39 mesi avrebbe effetti più consistenti. Secondo alcune simulazioni (si veda «Il Sole 24 Ore» dell’11 gennaio), il Tfr in busta paga può erodere (in base ai rendimenti ottenuti e agli anni mancanti alla fine della carriera lavorativa) dal 10 al 30% della pensione complementare che si potrebbe ottenere continuando a versare il trattamento di fine rapporto nel fondo. 
Quest’ultimo effetto deve essere valutato con attenzione dai più giovani, dato che l’importo della pensione obbligatoria nella maggior parte dei casi sarà circa il 60% dell’ultimo stipendio, con la possibilità però di ridursi anche al 40% in relazione all’andamento della carriera lavorativa.

Fonte: Il Sole 24 Ore - Matteo Prioschi

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

venerdì 20 marzo 2015

20 marzo 2015: la mia eclisse solare… al 2 agosto 2027!!

Una leggendaria congiunzione astrale: l'eclisse, il "Sole nero", la "Super Luna" al perigeo e l'equinozio di primavera. L'eclisse di oggi è stato visto da tutta l'Europa e parte dell'Africa settentrionale e dell'Asia. Il "Sole nero", però, solamente si è potuto ammirare soltanto dalle isole FærØer. L'ombra della Luna è passata per il mare di Norvegia fino al mare di Barents, dall'arcipelago danese alle Svalbard. Su quelle isole per qualche minuto è calata la notte in pieno giorno. Per gli altri solo un'eclisse parziale
Anche in Italia è stato osservato questo fenomeno astronomico: quando ha raggiunto il suo picco - tra le 10.30 e le 10.40 - nonostante fosse parziale, l'intera penisola è andata penombra per l'eclissi. La copertura ha raggiunto il 70% nelle regioni settentrionali, dove in alcune località le nuvole hanno rovinato lo spettacolo, il 60% al centro e il 40% nel Sud.

Ecco 2 foto che ho potuto scattare da lavoro utilizzando un pezzetto di lastra 



L’eclissi solare di stamattina s’è conclusa in Italia e in Europa: è stato un appuntamento molto affascinante, ma nei prossimi mesi e anni se ne ripeteranno altri ancor più significativi: tutte le date.

L’Italia ha ammirato con grande emozione l’eclissi solare di stamattina: le percentuali di oscuramento del disco solare hanno sfiorato il 70% al nord/ovest mentre sono state più basse al Sud, tra il 40 e il 45% in Sicilia, Calabria e Puglia. 
Le condizioni meteo favorevoli hanno consentito l’osservazione senza disturbi perturbati da quasi tutto il territorio del nostro Paese. E’ stato uno spettacolo molto affascinante: in Italia l’ultima eclissi solare era stata quella dell’11 agosto 1999, anche se il 3 ottobre 2005 se n’è verificata un’altra visibile parziale da tutt’Italia e quasi totale dalla Sicilia. 
L’ultima eclissi totale centrale per il nostro Paese è stata quella del 15 febbraio 1961. 

Adesso tutti si chiedono quando sarà possibile osservare nuovamente un evento celeste simile. E’ bene, quindi, illustrare le date dei prossimi appuntamenti più importanti. 

Nei prossimi 10-15 anni, infatti, si verificheranno numerose eclissi, alcune delle quali molto significative e di gran lunga più importanti rispetto a quella odierna. 
Per quanto riguarda le eclissi di sole, i prossimi appuntamenti nel Pianeta non saranno visibili dall’Italia. 
Bisogna aspettare più di cinque anni, il 21 giugno 2020, per osservarne un’altra che però sarà anulare e sarà visibile soltanto al centro/sud, molto meno significativa di quella di oggi, con un oscuramento del disco solare appena superiore al 10% in Sicilia e appena del 3% a Roma. 
Poi avremo un’altra eclissi solare anulare il 10 giugno 2021, che però sarà visibile esclusivamente dall’estremo nord con un oscuramento del disco solare di appena il 10% su Milano, fenomeno molto meno significativo rispetto a quello odierno. 
Il 25 ottobre 2022 avremo invece un’eclissi parziale di sole visibile da tutt’Italia con percentuali di oscuramento fino al 30% al nord e al 25% al sud, quindi un altro fenomeno meno importante rispetto a quello di oggi. Tra dieci anni esatti, il 29 marzo 2025, ci sarà un’altra eclissi solare parziale che però si vedrà solo dal centro/nord, con oscuramento fino al 20% al nord e appena del 7% su Roma, quindi l’ennesimo evento meno significativo rispetto ad oggi. 
Poi, tra 2026 e 2027, avremo due appuntamenti memorabili, di gran lunga più importanti rispetto all’eclissi odierna. 
Il 12 agosto 2026 un’eclissi totale di sole interesserà tutto l’emisfero nord, quasi tutta l’Europa, parte di Africa e Nord America. Lo spettacolo più bello sarà tra Groenlandia, Islanda, Irlanda Portogallo, Spagna, Marocco e Algeria dove l’eclissi sarà totale con oscuramento superiore al 90% e in una fascia tra Groenlandia, Islanda, Portogallo, Spagna, Baleari e Algeria addirittura del 100%. In Italia l’evento sarà eccezionale: si potrà ammirare l’eclissi in tutto il Paese al tramonto. L’oscuramento del disco solare supererà il 97% in Sardegna, il 95% al nord/ovest, il 90% su gran parte del centro/nord e il 60-70% su gran parte del Paese. Soltanto nelle zone Joniche del Sud, tra Puglia, Calabria e Sicilia orientale, l’oscuramento sarà inferiore, ma comunque significativo, oltre il 40%, analogo all’evento odierno. 

Sarà comunque un assaggio rispetto all’eclissi solare del 2 agosto 2027, l’evento del millennio
L’eclissi quel giorno sarà totale a Lampedusa, del 98% in Sicilia, interesserà tutto il Mediterraneo dopo aver attraversato l’oceano Atlantico per poi interessare anche Egitto, Arabia Saudita e l’oceano Indiano fino all’Oceania, uno degli eventi più significativi degli ultimi secoli che interesserà ben 5 continenti (America, Europa, Africa, Asia e Oceania). Sarà anche una delle eclissi più importati degli ultimi secoli per l’area Mediterranea. L’eclissi sarà totale, del 100%, su Gibilterra, Algeria, Tunisia, sul Canale di Sicilia, sulle coste libiche, in Egitto e Arabia Saudita. In Italia l’oscuramento supererà il 90% in tutto il Sud, e sarà notevole in tutto il Paese, superiore al 60% anche al nord e al 75-80% anche al centro.

Fonte: MeteoWeb.eu

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

giovedì 19 marzo 2015

Trassilico: "la via delle capre"

Oggi sono andato a ripercorrere in MTB la "via delle capre" a Trassilico, un bel sentiero pulito,  molto tecnico ed impegnativo.


Arrivati a Trassilico, in Piazza Umberto I giriamo a sinistra imboccando per pochi metri Via S. Ansano e, passata la prima casa, imbocchiamo a destra la "via delle capre" che in poco più di due chilometri ci porta a Panicaglia.





La vecchia mulattiera, pare che risalga al 1000 (un tempo faceva parte della strada che collegava Trassilico con Castelnuovo di Garfagnana),  è per i bikers più esperti completamente pedalabile!

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Tramonto sulla Pania della Croce


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

mercoledì 18 marzo 2015

Il modello 730 pre-compilato

Da quest’anno l’Agenzia delle entrate, a partire dal 15 aprile 2015, mette a disposizione il Modello 730 precompilato.

PER CHI VIENE PREDISPOSTO
Il modello 730 precompilato viene reso disponibile ai lavoratori dipendenti e ai pensionati che:
  • hanno presentato il modello 730/2014 per i redditi dell’anno 2013;
  • e, inoltre, hanno ricevuto dal sostituto d’imposta la Certificazione Unica 2015 (che da quest’anno sostituisce il CUD) con le informazioni relative ai redditi di lavoro dipendente e assimilati e/o ai redditi di pensione percepiti nell’anno 2014.
La dichiarazione pre-compilata viene predisposta anche per i contribuenti,
  • in possesso della Certificazione Unica 2015, che per l’anno 2013 hanno presentato il modello Unico Persone fisiche 2014 pur avendo i requisiti per presentare il modello 730,
  • oppure hanno presentato, oltre al modello 730, anche i quadri RM, RT e RW del Modello Unico Persone fisiche 2014.
ATTENZIONE La dichiarazione precompilata non viene predisposta se, con riferimento all’anno d’imposta precedente, il contribuente ha presentato dichiarazioni correttive nei termini o integrative, per le quali, al momento della elaborazione della dichiarazione precompilata, è ancora in corso l’attività di liquidazione automatizzata (effettuata ai sensi dell’art. 36-bis del D.P.R. n. 600 del 1973).

QUALI INFORMAZIONI CONTIENE

Per la predisposizione del modello 730 precompilato, l’Agenzia delle entrate utilizza le seguenti informazioni:
  • i dati contenuti nella Certificazione Unica, che da quest’anno viene inviata all’Agenzia delle entrate dai sostituti d’imposta (ad esempio il reddito di lavoro dipendente, le ritenute Irpef, le trattenute di addizionale regionale e comunale, i compensi di lavoro autonomo occasionale e i dati dei familiari a carico);
  • i dati relativi agli interessi passivi sui mutui, ai premi assicurativi e ai contributi previdenziali, che vengono comunicati all’Agenzia delle entrate dai soggetti che erogano mutui agrari e fondiari, dalle imprese di assicurazione e dagli enti previdenziali;
  • alcuni dati contenuti nella dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (ad esempio gli oneri che danno diritto a una detrazione da ripartire in più rate annuali, come le spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio, i crediti d’imposta e le eccedenze riportabili);
  • gli altri dati presenti nell’Anagrafe tributaria (ad esempio i versamenti effettuati con il modello F24 e i contributi versati per lavoratori domestici).



Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

La questione del Monte di Gragno dal 1256 al 1513 - sabato 28 marzo 2015


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

martedì 17 marzo 2015

La Via Crucis a Gallicano - anni '80

Foto anni '80 della Via Crucis a Gallicano.


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !