giovedì 30 ottobre 2014

I "sabatini" puliscono l'aringo

I "sabatini" fanno gli straordinari pulendo l'aringo ed il cimitero vecchio di giovedì.
Sotto alcune foto prima e dopo l'intervento.
Grazie! Ottimo lavoro come sempre!








Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Torna il doppio senso di circolazione in Via Roma

Dopo circa 3 anni di senso unico "provvisorio" (clicca qui per ripercorrere tutta la vicenda da maggio 2011) torna oggi il doppio senso di circolazione in Via Roma Loc. Al Sano così come hanno deciso i cittadini di Gallicano. 


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

mercoledì 29 ottobre 2014

Messa in sicurezza dei fiumi: sopralluogo nei comuni di Gallicano e Coreglia


Giornata di sopralluoghi per il presidente del Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord Ismaele Ridolfi, e dei tecnici dell’Ente, in Garfagnana: la delegazione consortile è stata prima nel Comune di Gallicano, assieme al sindaco David Saisi e poi a Coreglia, al fianco del sindaco Valerio Amadei. 
I due sindaci, infatti, hanno voluto mostrare al Consorzio (il soggetto che, dal marzo scorso, si occupa della sicurezza idraulica di una vasta area della Toscana settentrionale, in cui ricade anche la Valle del Serchio) le criticità che ormai da tempo insistono su altrettanti importanti arterie idrauliche della propria zona. 
A Gallicano, il sopralluogo ha riguardato la Turrite di Gallicano: qui è infatti necessario un progetto complessivo (probabilmente da pianificare in più lotti) per risolvere problematiche diffuse dovute a erosioni di sponda, materiale in alveo prodotto anche da eventi alluvionali (in particolare quella del 21 ottobre 2013) e versanti ceduti. 
A Coreglia, presidente del Consorzio e primo cittadino sono stati sul Rio Suricchiana, a Calavorno, dove occorre realizzare una briglia selettiva, a monte di un tratto tombato lungo circa 70 metri, poco prima della confluenza col Fiume Serchio, che possa trattenere il materiale che attualmente rischia di finire proprio nel tratto coperto. “Coi due sindaci abbiamo preso visione delle questioni, e insieme ci siamo dati un metodo di lavoro all’insegna della collaborazione – sottolinea il presidente del Consorzio Ismaele Ridolfi – Coinvolgendo anche l’Unione dei Comuni, l’obiettivo è di addivenire a una progettazione comune, in modo da poter richiedere i finanziamenti per le opere necessarie alla Regione, per i relativi stanziamenti in sede di Documento annuale per la difesa del suolo”. “Con l’avvio ormai prossimo della stagione delle piogge, è massima l’attenzione della nostra Amministrazione comunale per il reticolo idraulico del territorio, in particolare per quello minore – spiega il sindaco di Coreglia Valerio Amadei – In quest’ottica abbiamo richiesto il sopralluogo col Consorzio sul Rio Suricchiana: per la messa in sicurezza di questo corso d’acqua occorrono risorse, che è possibile individuare solo la massima sinergia tra tutti gli Enti”. 
 "La Turrite di Gallicano necessita di ingenti e tempestivi lavori di messa in sicurezza e ripristino a seguito dell'alluvione del 2013 - evidenzia il sindaco di Gallicano David Saisi - gli interventi realizzati fino a questo momento non sono infatti sufficienti. Con l'incontro di oggi abbiamo voluto mostrare al presidente del consorzio Ridolfi le criticità in essere al fine di delineare un percorso congiunto per addivenire a una progettazione finanziabile dalla Regione Toscana”.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

I miei iPhone dal 2010 ad oggi

iPhone 3 GS

iPhone 4S


iPhone 6

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

martedì 28 ottobre 2014

Operazione Tfr, a vincere sarà l'Erario

Un interessante articolo de Il Sole 24 Ore di Maria Carla De Cesari

All'operazione Tfr in busta paga il Governo affida il compito di contribuire a rilanciare i consumi. Per conseguire l'obiettivo si è messo in campo l'effetto combinato del Tfr con il bonus di 80 euro, che da solo si è rivelato finora una leva debole. 
L'operazione, però, è insidiosa. Prima di tutto nel lungo periodo. Sul Tfr aveva cercato di investire la previdenza complementare, che dovrebbe integrare le pensioni obbligatorie, rese modeste dalle carriere frammentate e dal sistema contributivo delle prestazioni. L'opzione per il Tfr in busta paga sembra autorizzare tutti a ritenere che previdenza e pensione non saranno un problema. 
Nel breve periodo l'insidia si svela nelle cifre della legge di Stabilità: non è detto che i consumi aumentino e l'economia migliori, con un circolo virtuoso che premierà tutti. 
Di sicuro, poi, l'Erario ha stimato maggiori entrate, dal Tfr, per circa 2,2 miliardi. 
Il Tfr pagato ogni mese dal datore di lavoro sarà infatti tassato con le modalità ordinarie: ciò significa che aumenterà l'imponibile Irpef, facendo scattare in alcuni casi l'aliquota fiscale più elevata per la tassazione. 
Non solo: le somme da Tfr incideranno sul conto delle addizionali regionali e comunali, aumenteranno i redditi che confluiscono nella certificazione Isee per fruire di prestazioni sociali a condizione agevolate.
Si potrebbe arrivare anche a far scattare il limite di reddito per l'applicazione della detassazione legata al salario di produttività. 
Insomma, per i lavoratori la partita del Tfr rischia di essere negativa. Sicuramente la tassazione ordinaria, rispetto al regime della tassazione separata è più penalizzante per quanti hanno redditi medio-alti. 
Tuttavia, i dipendenti con retribuzioni medio-basse potrebbero essere spinti, più di altri, a chiedere il Tfr per fronteggiare bollette, mutui, spese di condominio. Molte famiglie sono infatti diventate monoreddito e faticano a tener dietro agli impegni correnti. È da costoro che l'Erario "rischia" di raccogliere gran parte dei 2,2 miliardi. Chi si trova in condizione di disagio verserà, dunque, più soldi alle casse dello Stato e si troverà senza dote una volta che andrà in pensione con il 30-40% dell'ultima retribuzione. Una duplice beffa.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

MTB CAI Lucca - sabato 8 Novembre – Tutto Colline


Il gruppo mountain bike del cai di lucca organizza per novembre un’escursione impegnativa a san miniato, in provincia di pisa.
Le celebri colline del tartufo bianco saranno il terreno dove le ruote grasse dei bikers dovranno mettersi alla prova, infatti nonostante i dislivelli e le quote non raggiungono valori elevati, il percorso riserverà brevi ma dure salite con discese spesso tecniche.
Verranno percorsi divertenti single track, attraversati boschi, oliveti, vigne, pievi e ville storiche, pedaleremo sulla via francigena e potremo osservare dagli ampi e numerosi scorci panoramici la rocca di federico ii, che domina la sommità del più alto dei tre colli che compongono la città di san miniato.
L’escursione avrà come obbiettivo quello di mostrare il vero volto delle colline samminiatesi: numerose, dolci, incantevoli, aspre e selvatiche ma sopratutto impegnative tanto quanto la loro bellezza. La lunghezza del percorso è di circa 50km e il dislivello di circa 1000mt; a metà percorso è presente una fontana per approvvigionarsi di acqua. Si consiglia di avere gli pneumatici tubeless riforniti di liquido sigillante oppure 2 camere d’aria di scorta per la presenza di rovi su alcuni tratti del percorso.
Al termine dell’escursione per chi vuole vi sarà la possibilità di pranzare ad €15, da comunicare al momento dell'iscrizione.

Termine iscrizioni: giovedì 6 novembre ore 18.00
• Difficoltà: bc+/bc (buone capacità tecniche);
• Tempo di percorrenza: 5/6 ore circa;
• Lunghezza: 50km circa;
• Dislivello: +/- 1000m;
• Orari: ritrovo ore 8.30 – partenza ore 9.00 (tassativa la puntualità);
• Trasporto: mezzi propri;
• Ritrovo: presso il parcheggio di via catena 19, 56028 san miniato (pi);
• Direttore: silvano gozzi;
• Info: elìa serafini 328 7054066 – mtb@cailucca.it

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Sellaronda HERO 2014 - Highlights

Il video degli Highlights Sellaronda HERO 2014… io c'ero!!

 

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

lunedì 27 ottobre 2014

Nella Mediavalle Garfagnana ci sono 20 ultracentenari

Donna, in ottima salute e residente nelle frazioni più in altura. 
Questo l’identikit degli “over 100” che in Valle del Serchio sono tanti. Sarà l’aria buona di montagna, sarà che ormai l’età media si è alzata e il progresso della medicina fa miracoli, fatto sta che il numero dei centenari cresce sempre. 
La classe 1912 è quella più numerosa con quattro rappresentanti. Tra i comuni di Barga, Castiglione, Gallicano, Coreglia, Fosciandora, Bagni di Lucca, Molazzana e Fabbriche di Vergemoli si contano ad oggi 20 persone che hanno superato il primo secolo di vita, di cui solo due uomini. 
Barga la fa da padrone con otto residenti (e qui vive l’unico maschio della pattuglia in Mediavalle), poi Bagni di Lucca con cinque, e Molazzana con tre e Gallicano con due. Uno ciascuno per Fabbriche di Vergemoli, Castiglione e “quasi uno” per Fosciandora. 
La palma della più anziana, con i suoi 106 anni suonati, tocca a Nadia Lavorini. Classe 1908, vive a Benabbio con i familiari, e poche settimane fa ha tagliato questo ambito traguardo. 
Dopo di lei, seguono altre due arzille vecchiette di 104 anni, nate nei primi mesi del 1910. Una è Maria Ada Graziani di Gragliana (Fabbriche di Vergemoli), mentre l’altra abita in Val di Lima. 
La signora Maria Ada, nonostante l’età ed essendo attualmente ospitata in una struttura sociosanitaria in Mediavalle, è molto arzilla e sveglia. Barga, si diceva, essendo comunque il comune più popoloso con 10.200 abitanti, ha otto suoi concittadini “a tre cifre”: due 103enni, una donna di 102 anni, una di 101 e quattro che, nel corso del 2014, hanno festeggiato il primo secolo di vita. 
A Gallicano tanti conoscono la signora Antonietta Auneddu che ogni pomeriggio muove dalla sua abitazione poco fuori dal centro per andare a prendere il the al ristorante “Eliseo”, dove l’aspettano Lina e Assunta, altre due arzille donnine che mostrano splendidamente i loro 93 anni. 

Lina, Assunta e Antonietta all'Eliseo - foto di Ivo Poli
L’altra ultracentenaria è una donna di 103 anni che da sei mesi si è trasferita dalla figlia a i Bolognana. A detta di tutti i compaesani, che l’hanno adottata, la signora ogni mattina guarda il tg e recita poesie. 
Dando un po’ di numeri, la media più alta, nel rapporto tra centenari e residenti, ce l’ha Molazzana: tre donne su 1.150 abitanti, ossia una ogni 383 residenti. Le fortunate sono la 103enne Gilda Venturelli del capoluogo, Ferrera “Laura” Ferrari di Eglio che il 2 novembre compirà anche lei 103 anni, e sempre a Eglio, pochi metri vicino, qualche mese fa Gina Pocai ha spento 101 candeline. 
Gilda Venturelli, nella scorsa tornata elettorale per le amministrative, salì alla ribalta per essere stata la più anziana elettrice recatasi alle urne in Toscana, e andò a votare senza bisogno dell’ausilio di persone o protesi. 
L’unica centenaria di Coreglia, del 1912, è morta poco più di un mese fa. 
Invece a Fosciandora il più anziano è Guido Pieroni, che il 26 settembre ha compiuto 99 anni. 
A Castiglione Garfagnana, l'unico "over century" è Aspasio Morganti conosciuto come "Domenico", abitante nella frazione di Cerageto e che, il 4 dicembre prossimo, spegnerà la 102ª candelina, mentre altri due saranno a tre cifre nei primi mesi del 2015. 
Altra curiosità, in Val di Lima c’è l’età media più alta, visto che le cinque donne secolari viventi nel territorio di Bagni di Lucca fanno uno standard di 103,4 anni. Se non altro, da queste parti, si vive ancora tanto e bene.

Fonte: Il Tirreno

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

domenica 26 ottobre 2014

Per San Martino il "doppio tramonto" da Trassilico


C'è un luogo in cui, in certi giorni dell'anno, il sole tramonta 2 volte. Questo luogo si chiama Monte Forato. Il sole sparisce una prima volta, per alcuni secondi, dietro la cresta del forato per poi riapparire all'interno del Monte Forato.
Uno dei posti migliori per vedere questo fenomeno è Trassilico dal 6 al 18 novembre e dal 23 gennaio al 4 febbraio dalla Chiesa di Sant'Ansano.
In assoluto i giorni clou sono l'11 novembre (San Martino) e il 2 febbraio (la "candelora").

Da Barga questo spettacolo si verifica il 30 e 31 gennaio e dal 10 al 12 novembre.

Consiglio a tutti di non perdere questo evento.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

I Sabatini puliscono la parte esterna del cimitero di Gallicano


Ieri i Sabatini hanno pulito la parte esterna del cimitero di Gallicano. Ottimo lavoro!!
Dopo la pulizia, pranzo a base di minestrella, affettati, acciughe marinate, salame di cioccolata e birra petrognola. Sponsor della giornata, Casarreda Tardelli di Piano di Coreglia.
Grazie ragazzi!

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

sabato 25 ottobre 2014

Garfagnana montagne di Toscana in MTB

Dal 24 al 27 ottobre sono ospiti in Garfagnana 8 tour operator e 2 giornalisti di diverse nazionalità, presenti alla Borsa del Turismo Sportivo di Montecatini.  
L’educational Tour, organizzato dallo IAT Garfagnana e realizzato grazie al contributo dell’Unione Comuni Garfagnana e del GAL Garfagnana, vede impegnati i soci del Consorzio Garfagnana Produce che hanno offerto l’accoglienza e le guide per le diverse attività.
Dal Parco delle Alpi Apuane a Fornovolasco, con la Grotta del Vento e il Parco del Battiferro, ai crinali dell’Appennino, con San Pellegrino in Alpe, dalle fortezze ai borghi murati, i partecipanti hanno modo di scoprire la Garfagnana attraverso lo sport: dal trekking alla mountainbike, dal rafting al canyoning e alla speleologia. 

Io ho avuto il piacere di far conoscere la zona di Gallicano a Stefano Dalfiume (maestro di MTB - pagina Facebook www.facebook.com/biciappennino) facendogli visitare Verni, Trassilico e l'Eremo di Calomini in sella alla MTB. E' rimasto entusiasta dell'itinerario percorso e promuoverà il nostro territorio a livello nazionale.

Abitiamo in un posto bellissimo ed anche oggi ho avuto la conferma!

Questa la mappa del giro (32 Km e 1.000 metri di dislivello) 



Ecco alcune foto della bella giornata (per vedere l'intera galleria fotografica clicca qui).

Percorso fluviale Alessandro Valentini
Verni
Panorama da Trassilico 
La rocca di Trassilico
Il Zappello
Verni da "il Zappello"

Strada per Vergemoli
Calomini
Eremo di Calomini

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Poker del Monticello 7 agosto 2009 - Amico

7 agosto 2009: esibizione del Signor Rota e del Sassaroli in onore della quarta vittoria di fila del Rione Monticello al Peyote. Alla tastiera Beppe Donini

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

giovedì 23 ottobre 2014

Una mattinata spettacolare sulla Pania della Croce

Una mattinata spettacolare di fine ottobre sulla Pania della Croce in compagnia di Michele. Difficilmente ho trovato giornate così limpide: dalla vetta erano ben visibili le onde del mare!







Per vedere altre foto clicca qui.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

NoiTv Diretta Sindaco con David Saisi - Gallicano





Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

mercoledì 22 ottobre 2014

Incentivo economico "pacchetto scuola"

Ho letto sul sito del Comune di Gallicano che per l’anno scolastico 2014-2015 è previsto un beneficio economico individuale denominato “Pacchetto Scuola” per gli studenti iscritti alle scuole primarie, alle scuole secondarie di primo e secondo grado, al fine di sostenere le spese necessarie per la frequenza scolastica (libri scolastici, altro materiale didattico e servizi scolastici).
Per concorrere alla concessione dell’incentivo economico gli studenti devono appartenere ad un nucleo familiare con un ISEE riferito all'anno 2013 non superiore a € 15.000,00.

L’importo del “Pacchetto Scuola” varia da un importo che va da € 84 ad € 280.

Per maggiori informazioni clicca qui.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Video aereo della Rocca di Gallicano

Video:  La "Rocca del Riva" (La Rocca del Pettorale di Gallicano)
Montaggio video: Pontavilla Production's (Dino Ponziani)
Riprese aeree: Daniele Saisi
Link diretto: clicca qui
Altri post sulla Rocca: clicca qui


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

martedì 21 ottobre 2014

Lo Stemma della famiglia Bertini di Girolamo Della Robbia nell'opera "Stemmi Robbiani in Italia e nel Mondo"

Sono felice di aver contribuito alla pubblicazione dell'opera "Stemmi Robbiani in Italia e nel Mondo - per un catalogo araldico, storico e artistico" ed oggi ho ricevuto una copia omaggio dalla dottoressa Sara Fontana dell'International Research Center for Local Histories and Cultural Diversities.


Ringraziamenti 

437 tra stemmi di priori, podestà, capitani, famiglie, case regnanti, vescovi e papi, simboli dei Comuni e delle Arti fiorentine, racchiusi in un’unica imponente pubblicazione interamente illustrata a colori. “Stemmi robbiani in Italia e nel mondo” (Polistampa, pp. 368, euro 120), a cura di Renzo Dionigi, è la più estesa catalogazione della produzione araldica della famiglia Della Robbia, e costituisce così un contributo fondamentale agli studi sulla ceramica.

Copertina del volume

A pagina 189 viene descritto lo stemma della famiglia Bertini che si trova nella chiesa di San Jacopo di Gallicano.
Pala d'altare - chiesa di San Jacopo
173. Girolamo Della Robbia

Stemma della famiglia Bertini

1516 ca.
D'azzurro, al gallo ardito d'argento, afferrante ed in atto di beccare una spiga di grano di (…).
Rilievo in terracotta invetriata policroma.

Gallicano (Lucca), chiesa di San Jacopo.

Ai lati della predella della splendida pala d'altare raffigurante la Madonna col Bambino tra i Santi Giuliano, Benedetto, Giuseppe e Caterina d'Alessandria, sono posti entro due semplici formelle bordate da una cornice smaltata di bianco due identici scudi "sagomati di tipo a" con gli stemmi purtroppo danneggiati della locale famiglia Bertini. L'opera, realizzata da Girolamo seguendo lo schema di Andrea nell'impostazione dell'incorniciatura ma carica nelle figure di un moderno classicismo, venne commissionata probabilmente intorno al 1516. 
Stemma della famiglia Bertini
Stemma della famiglia Bertini

La tecnica della terracotta invetriata, messa a punto intorno al 1440 da Luca Della Robbia, garantiva alle sculture un’eccezionale resistenza agli agenti atmosferici, dimostrandosi quindi ideale per la produzione degli stemmi e dei blasoni che ancora oggi adornano palazzi ed edifici storici.
Le opere araldiche della dinastia dei Della Robbia e della bottega rivale di Benedetto e Santi Buglioni furono studiate e catalogate per la prima e unica volta nel 1919 da Allan Marquand.

Il lavoro di Renzo Dionigi, già rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria, presidente dell’International Research Center for Local Histories and Cultural Diversities e dell’Istituto di Studi Superiori dell’Insubria «Gerolamo Cardano», va finalmente a completare e aggiornare il lavoro dello studioso americano, colmando in particolare le numerose lacune sull’attribuzione dei singoli manufatti a ciascuno dei membri della numerosa famiglia robbiana.
Le sculture sono inoltre esaminate dal punto di vista strettamente araldico, secondo le leggi ormai consolidate e la terminologia di una scienza che impone l’analisi specifica di smalti, partizioni e figure nella loro posizione, numero e attributi. I saggi introduttivi permettono di inserire gli stemmi in un ben determinato contesto storico, mentre in appendice, accanto a una nutrita bibliografia, sono presenti un glossario dei termini araldici e una storia sintetica delle famiglie a cui appartengono gli stemmi.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Buona la prima per la Pallavolo Garfagnana

Ottimo inizio di campionato per  la Pallavolo Garfagnana femminile nel campionato di serie D.
Sabato 18 ottobre la squadra garfagnina (con tante ragazze di Gallicano) si è infatti imposta in casa per 3 set a 0 (25-17, 25-20 e 25-20) contro la formazione elbana del Blue Navy.


Il prossimo turno (sabato 25 ottobre) la Pallavolo Garfagnana affronterà in trasferta l'Oasi Volley Viareggio.

Questa la rosa allenata da Andrea Pucci:
  • Biagioni Annalisa - Palleggiatore
  • Giannotti Daniela - Centrale
  • Giannotti Monica - Banda
  • Pieroni Veronica - Libero
  • Pocai Francesca - Banda
  • Porta Barbara - Banda
  • Porta Laura - Opposto
  • Romei Giada - Banda
  • Talini Valentina - Palleggiatore
  • Selene Lunardi - Palleggiatore
  • Trivelli Chiara - Libero
  • Pamela Marigliani - Libero
  • Armadori Angelica - Centrale
  • Bartolomei Elena - Centrale

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !

Le "mie" Chiese di Molazzana di Aldo Bertozzi - presentazione volume Banca dell'Identità e della Memoria


Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 21,00 presso il teatrino di Sassi si terrà la presentazione del volume della Collana editoriale della Banca dell’Identità e della Memoria della Garfagnana - Le “mie” chiese di Molazzana- di Aldo Bertozzi. 
L’evento che si inserisce nell’ambito del progetto dell’Unione Comuni ”Chiese Aperte” per conoscere, valorizzare e promuovere la Garfagnana rientra nelle attività programmate che di svolgeranno nel corso del 2014 e 2015 per celebrare il decennale della Banca dell’Identità e della Memoria della Garfagnana.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante !