martedì 3 gennaio 2017

Novità in vigore dal 2017: casa, fisco, lavoro, welfare e previdenza

Alcune novità in vigore dal 1° gennaio 2017
 
CASA
Detrazione 50%
Proroga della detrazione del 50% sulle spese di recupero edilizio degli immobili residenziali, senza variazioni. Il ritorno alla detrazione del 36% slitta quindi al 1° gennaio 2018 (salvo ulteriori proroghe). La detrazione si applica su una spesa massima di 96mila euro per unità immobiliare, per lavori di manutenzione almeno straordinaria. Quella ordinaria è agevolata solo per le parti comuni condominiali
Legge 232/16, articolo 1, comma 2

Ecobonus 65%
Conferma dell’ecobonus del 65% fino al 31 dicembre 2017 nelle singole unità immobiliari. Fino al 31 dicembre 2021 se gli interventi sono su parti comuni degli edifici condominiali o interessano tutte le unità del condominio. Le spese agevolate sono le stesse (cambio infissi, sostituzione caldaie, coibentazioni, pannelli solari termici, schermature solari, domotica), con diversi massimi di “sconto” (da 30mila a 100mila euro)
Legge 232/16, articolo 1, comma 2

Detrazione antisismica
Detrazione del 50% per le spese sostenute dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2021, per lavori antisismici su prime e seconde case e su edifici per le attività produttive situati in zone di rischio sismico 1,2 e anche 3. La detrazione arriva al 70% (75% per i condomini) se i lavori consentono un salto di classe di rischio sismico; all’80% (85% per i condomini) se il salto è di due classi. Il bonus va ripartito in cinque anni e si calcola su una spesa massima di 96mila euro. Per gli edifici in zone 4 o su immobili diversi da abitazioni ed edifici produttivi, per il solo 2017 il bonus è del 50% su spesa massima di 96mila euro, ma recuperabile in dieci anni
Legge 232/16, articolo 1, comma 2

Bonus mobili e elettrodomestici
Conferma fino al 31 dicembre 2017 della detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici almeno in classe A+ (A per i forni), destinati ad arredare una casa oggetto di ristrutturazione (con lavori agevolati dal bonus del 50% sul recupero edilizio). Se il cantiere dei lavori è iniziato nel 2016 – o viene avviato nel 2017 – sono incentivati solo gli acquisti di mobili eseguiti dal 1° gennaio al 31 dicembre 2017. La detrazione si calcola sempre su una spesa massima di 10mila euro, non legata ai costi per gli interventi di ristrutturazione
Legge 232/16, articolo 1, comma 2

Credito d’imposta
Aumento dal 30% al 65% del credito d’imposta per migliorare la qualità delle strutture ricettive turistico-alberghiere, per i periodi d’imposta 2017 e 2018, a condizione che gli interventi abbiano anche finalità di ristrutturazione edilizia, riqualificazione antisismica o energetica, e acquisto mobili. Il tax credit viene esteso anche alle strutture che svolgono attività agrituristica Legge 232/16, articolo 1, comma 4
 
CONSUMI, RISPARMIO E SERVIZI
Canone Rai
Riduzione del canone Rai da 100 a 90 euro
Legge 232/16, articolo 1, comma 40

FISCO
Semplificazioni
Abrogazione, con riferimento al 2017, delle comunicazioni dei dati relativi ai contratti di leasing, locazione e noleggio, dei modelli intrastat relativi agli acquisti intracomunitari di beni e alle prestazioni di servizi comunitarie ricevute, le comunicazioni black list (per tali ultime comunicazioni scompare anche quella relativa al 2016).
Decreto legge 193/2016, articolo 4

Regime di cassa
Dal 2017 le imprese in contabilità semplificata determinano il proprio reddito non più con il principio di competenza, ma con il regime di cassa. Il reddito del periodo d’imposta in cui si applicano per la prima volta le nuove norme, è ridotto dell’importo delle rimanenze finali che hanno concorso a formare il reddito dell’esercizio precedente secondo il principio della competenza Legge 232/16, articolo 1, comma 17

Ires
Riduzione dell’aliquota Ires dal 27,5% al 24%, dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2016
Legge 208/15, articolo 1, comma 61

Iri - Imposta sul reddito d’impresa
Introduzione della possibilità di opzione per la nuova imposta sul reddito di impresa Iri, per imprenditori individuali e società di persone in regime di contabilità ordinaria. L’Iri ha aliquota reale pari all’Ires, anziché con Irpef. I redditi d’impresa sono assoggettati a flat tax fintanto che non vengono prelevati dall’imprenditore o dai soci. L’opzione ha durata quinquennale
Legge 232/16, articolo 1, comma 547

Spese di trasferta
Deducibilità delle spese di trasferta per i lavoratori autonomi
Decreto legge 193/2016, articolo 7-quater

LAVORO E OCCUPAZIONE
Detassazione premi di risultato
Aumento da 2mila a 3mila euro del limite di importo complessivo dei premi di risultato, la cui corresponsione è legata ad incrementi di produttività, assoggettati all’imposta sostitutiva sul reddito delle persone fisiche e delle addizionali regionali e comunali pari al 10 per cento. Ampliata la platea dei beneficiari delle detassazione, con l’innalzamento da 50mila a 80mila euro del limite di reddito di lavoro dipendente individuato quale parametro di riferimento per l’applicazione del beneficio. L’innalzamento del limite di importo complessivo dei premi di risultato passa da 2.500 a 4mila euro per le aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro. Più vantaggi anche nella conversione del premio in welfare
Legge 232/16, articolo 1, comma 160

Aliquota professionisti iscritti alla gestione separata
Riduzione al 25% dell’aliquota di contribuzione per i lavoratori autonomi, titolari di partita Iva, iscritti alla gestione separata Inps che non risultano iscritti ad altre gestioni di previdenza obbligatoria né pensionati. Resta fermo l’avanzamento dell’aliquota per gli altri soggetti iscritti alla gestione.
Legge 232/16, articolo 1, comma 165

WELFARE E PREVIDENZA
Premio alla nascita
Assegno di 800 euro esentasse erogato dall’Inps per chi diventa genitore (anche adottivo) nel 2017. Il bonus dovrà essere richiesto dalla madre al compimento del settimo mese di gravidanza o all’atto dell’adozione e verrà corrisposto in un’unica soluzione Legge 232/16, articolo 1, comma 353

Voucher baby sitter
Proroga dei voucher per sostenere i servizi di baby sitting (600 euro mensili), introdotto dalla riforma Fornero e alternativo al congedo parentale, in scadenza al 31 dicembre 2016: l’agevolazione è stata rifinanziata e potrà essere chiesta, nei limiti delle risorse (40 milioni di euro per le lavoratrici dipendenti; a 10 milioni per le madri lavoratrici autonome o imprenditrici) per il 2017 e per il 2018
Legge 232/16, articolo 1, commi 355 e 356

Detrazione spese scolastiche
Maggiorazione (fino al raddoppio) della detrazione Irpef del 19% sulle spese per la frequenza scolastica, fino a raggiungere 152 euro per alunno (aumenta gradualmente l’importo su cui calcolare il 19%). Le spese detraibili sono quelle relative a scuole dell’infanzia, del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado
Legge 232/16, articolo 1, comma 617
 
Congedi parentali
Prorogato, per l’anno 2017, il congedo obbligatorio di due giorni per il padre lavoratore dipendente, che può utilizzarlo anche in via non continuativa entro i cinque mesi dalla nascita del figlio
Legge 232/16, articolo 1, comma 354

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!