venerdì 11 marzo 2016

Festa del camminare: 18-28 marzo 2016



11 giorni di festa, 26 ospiti e 46 eventi legati al cammino, al cibo sano e alle buone relazioni. La terza edizione della Festa del Camminare è nel segno di Walk, Eat, Love. Tra le novità gli Autori in cammino e i cantieri di narrazione. 

È la festa di tutti i camminatori. È l’appuntamento di chi viaggia prima con il cuore e poi con le gambe. È la scoperta del potere del cammino di cambiare il modo di guardare il mondo. 
A Corfino (LU), in Garfagnana, nel Parco nazionale dell’Appennino toscano, si rinnova la Festa del Camminare. La terza edizione è in programma da venerdì 18 a lunedì 28 marzo 2016, fino ai giorni di Pasqua. 
Cosa ti aspetta? 
26 ospiti che per 11 giorni propongono 46 eventi legati al cammino, al cibo sano e alle buone relazioni. Walk, Eat, Love, secondo le tre chiavi di svolgimento della Festa. 

WALK
Cammini di avvicinamento e passeggiate con la luna piena con la guida ambientale Michele Colombini (il 23 marzo è la data da segnare sul calendario), escursioni sui Sentieri Airone che raggiungono il monte più alto della Toscana e una mini vacanza nel fine settimana di Pasqua e Pasquetta (dal 25 al 28 marzo) in compagnia di Riccardo Carnovalini, camminatore di professione e punto di riferimento per il mondo italiano del trekking. In quattro giorni spiega come camminare e vivere leggeri. 
In uno zaino di 6 kg c’è tutto quello che ci serve. Basta saperlo riempire. È possibile raggiungere la Festa a piedi, anche con un trekking a cavallo da Pieve Fosciana al Rifugio Isera, cuore della Festa, in compagnia della guida Elisa Bozzi e dei suoi cavalli. Ed è possibile cimentarsi insieme a Gianfranco Bracci con il Nordic Hiking, l’evoluzione del camminare lento con i bastoncini. La novità di quest’anno sono gli Autori in cammino, 11 in tutto. 
Esperti dell’andare a piedi allestiscono cantieri di narrazione in cui associano escursioni e letture, scritture e racconti. 
C’è Nino Guidi, guida ambientale, che si è messo in viaggio dall’Islanda a Roma sulle orme dell’abate Nikulas per scoprire, quattro mesi dopo, che il cammino cambia profondamente la vita. 
E c’è Flaviano Bianchini, ambientalista e attivista per i diritti umani, che legge, racconta e interpreta in cammino la sua storia di migrante tra i migranti che tenta di raggiungere il sogno americano attraversando il Messico. 
E ci sono i laboratori di scrittura nella natura, quello sull’autobiografia con il professore Duccio Demetrio, quello sul racconto del viaggio con Marino Magliani e quello sulle Vie dei Canti con Olivia Trioschi. Ospite per la prima volta della Festa del Camminare l’Associazione Proletari Escursionisti. 
Le sue origini affondano nel 1919 nelle città di Lecco, Milano e Alessandria, quando per le classi popolari le attività di svago in montagna erano solo un sogno lontano. 
I tempi sono cambiati, ma l’esperienza di Ape continua per tramandare un pezzo di storia italiana che il sodalizio non vuole che vada persa. Poi ci sono le passeggiate curate dalle Guardie Forestali del Parco dell’Appennino e le proposte dei comuni del versante destro della Valle del Serchio, quello che scende dalle Alpi Apuane. 
Base di partenza sono i comuni di Vagli di Sotto, Fabbriche di Vergemoli e Gallicano. 
Le mete sono il Monte Forato, le antiche miniere di ferro, gli Eremi di Calomini e di San Vaiano e l’ex Valle Glaciale di Campocatino. Già, proprio così: i ghiacciai che oggi si sciolgono sulle Alpi, fino a qualche migliaio di anni fa arrivavano in Toscana. 

EAT. 
Tra una camminata e un incontro al caminetto sui consigli per la scelta delle scarpe e dello zaino, c’è sempre il tempo per partecipare ai laboratori teorici e pratici sul cibo sano e naturale. 
Dall’energia dei cereali alle proprietà nutrizionali dei legumi, dalla creazione della pasta madre per fare il pane in casa al cibo che cura e a quello da viaggio. Insieme a cuochi professionisti ed esperti di alimentazione, è finalmente arrivato il momento di fare chiarezza sui piatti che mangiamo e su ciò che fa bene e meno bene. E poi, tutti i giorni alle 5 in punto, tè con i biscotti appena usciti dal forno.  

LOVE. 
In serata la Festa continua con i concerti all’improvviso di Francis & Antonio, percussionisti etnici e moderni. Qui non ci si limita ad ascoltare e ballare: tutti possono salire sul palco e partecipare con strumenti propri o con quelli forniti dal duo. E ancora: spettacoli e teatro a cura di Ars Poietica, voci narranti, disegni con la sabbia e musica acustica. 
La festa è festa! aria apertaE per i più piccoli? V
enerdì e sabato prima di Pasqua si cammina con Anna Rastello con un percorso adatto per le piccole gambe perché le buone abitudini si imparano presto. E il lunedì ci si diverte tutti insieme, mamma, papà e bambini, con i giochi di legno fatti a mano con materiali naturali e di recupero. Tutte le iniziative a piedi, tranne il trekking a cavallo e la vacanza di Pasqua con Riccardo Carnovalini, sono gratuite.
 Organizzatrice dell’evento è Tra Terra e Cielo, associazione toscana che ha iniziato la sua attività camminando nel giugno del 1979 con un viaggio di 9 giorni e 14 persone sulle Alpi Apuane. A piedi, raccogliendo e cucinando erbe selvatiche e cereali integrali e dormendo sotto le stelle. 
Ai viaggi a piedi ha ben presto aggiunto altre vacanze, al mare e in montagna, per sperimentare in un contesto di relax modelli di vita da praticare tutti i giorni. 
La natura, la vita sana, il buon cibo non industriale e le buone relazioni sono la base di 37 anni di esperienza sintetizzati recentemente con tre parole: Walk, Eat, Love che danno nome al giornalino web dell’associazione.

Per maggiori informazioni: www.festadelcamminare.it

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!