martedì 10 novembre 2015

Risposta dell'Amministrazione comunale di Gallicano al volantino del PD

Non tarda la risposta dell'Amministrazione comunale di Gallicano al volantino del PD Circolo di Gallicano.

Ci fa piacere che il PD di Gallicano abbia scoperto finalmente la crisi occupazionale in Garfagnana e Mediavalle. Riguardo alla KME l'Amministrazione si domanda cosa il PD Gallicanese abbia fatto negli ultimi tre anni, da quando gli operai furono costretti a firmare quel famoso contratto capestro, cosa abbiano fatto i loro rappresentanti in regione e al parlamento italiano.
Difficile non notare che l'amministratore delegato di KME, Manes, è in strettissimi rapporti con il loro segretario di partito che è anche il presidente del consiglio italiano. Davvero era così impossibile in tre anni riuscire a parlargli e capire quali erano le sue intenzioni? Svegliarsi a cose fatte per esprimere vaghe preoccupazioni sul futuro dei lavoratori non crediamo dia frutti.
 Riguardo all'impianto Alce non entriamo in merito al progetto iniziale e al resto, chiunque può andarsi a rivedere il tutto e farsi un'idea personale sulla necessità di un impianto del genere sul territorio.
 Veniamo alla CSS, o Bricchettagio che dir si voglia, attività fortemente voluta dal PD Gallicanese e rifiutata in qualsiasi altra parte d'Italia.
Un'azienda in grave crisi economica a causa forse di un mercato edilizio che, come afferma il PD, è ridotto e quindi i cementifici hanno meno bisogno di bricchette. Un'azienda che a Gallicano ha creato per anni problemi di maleodoranze a tutto il paese e a paesi confinanti, che è sotto processo per reati ambientali.
 La vicinanza ai lavoratori è scontata, l'Amministrazione sarà al loro fianco per poter dare supporto e si adopererà in tutti i modi per il loro futuro, ma certamente si è posta una domanda che poniamo anche a tutti i Gallicanesi: con queste premesse come si può esprimere parere favorevole ad una ditta che intende continuare la stessa lavorazione di prima, cioè lavorare rifiuti per produrre combustibile?
Che vuole anche riproporre un progetto tanto caro al nostro PD e contro il quale Gallicano C'è è nato ovvero un'enorme centrale a Biomasse che non brucerebbe solo i nostri sfalci, ma che avrebbe bisogno di legna di ogni genere.
Come abbiamo sempre detto dal 2009 una lavorazione del genere a Gallicano la nostra Amministrazione non l'avrebbe mai sponsorizzata.
Comunque rimane un solo fatto, la società SEA Risorse che ha avanzato la proposta di acquisto e che pare così sicura della bontà del proprio progetto può benissimo andare avanti senza il nostro parere preventivo che non è in alcun modo vincolante. Può rilevare l'Azienda e cominciare a lavorare con l'autorizzazione in essere per questa attività e naturalmente noi come Amministrazione ci comporteremo esattamente come abbiamo fatto con la CSS, monitorando e vigilando continuamente l'impianto per non creare problemi alla cittadinanza e alla valle.
Per quello che riguarda il teleriscaldamento, progetto fallito durante l'amministrazione PD con una partecipata comunale, forse è meglio non parlarne.
E ancora una volta rimaniamo basiti per la lungimiranza del PD di Gallicano per quanto riguarda la piscina, solo dopo due bandi pubblici che la vecchia Amministrazione ha indetto e che hanno portato la nuova Amministrazione a spendere più di 70.000 euro per il suo ripristino, il PD ha capito che la piscina non può stare in piedi senza aiuti dal comune.


Questo il volantino del PD di Gallicano del 7 novembre

Volantino PD

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!