mercoledì 14 gennaio 2015

Incendio bricchettaggio: comunicato del 14 gennaio dell'Amministrazione Comunale di Gallicano

In seguito ai controlli effettuati in data 13 Gennaio da parte dei tecnici della USL2 e in data 14 Gennaio da parte dei tecnici di ARPAT non sono emersi particolari criticità per la salute dei cittadini in seguito all'incendio che ha interessato un parte dell'impianto della CSS Energy srl (Bricchettaggio).
USL2 ci ha consigliato di emettere ordinanza precauzionale di lavaggio frutta e verdura coltivate nelle zone limitrofe (ordinanza che verrà revocata nei prossimi giorni).
ARPAT questa mattina ha evidenziato che “Non sono stati avvertiti odori residui né presenza di particolato, ed il Centro regionale ARPAT di modellistica previsionale, ricostituite le condizioni meteo locali, ha confermato che la dispersione dei fumi dell'incendio è avvenuta verso l'alto e le eventuali ricadute al livello del terreno sono da considerarsi trascurabili. Non è stato, quindi, necessario acquisire campioni di terreni né tanto meno effettuare un monitoraggio dell'aria.”

Con il supporto dei due Enti il Sindaco di Gallicano ha poi emesso la seguente ordinanza di seguito sintetizzata:
“Chiusura dell'impianto della ditta CSS Energy srl e di adozione e attuazione delle necessarie misure ai fini di garantire la salute e la sicurezza della pubblica e privata incolumità.”
In particolare ordina:
1) chiusura dell'impianto sino a quando non verranno effettuati i relativi accertamenti e lavori al fine del ripristino delle condizioni di sicurezza, igiene e protezione ambientale;
2) sgombero immediato dalle aree di stoccaggio del prodotto finito denominato CSS;
3) redazione e trasmissione entro 24 ore di specifico Programma Operativo per la rimozione dei rifiuti stoccati nella fossa;
4) acquisizione entro 24 ore delle valutazioni favorevoli da parte dei competenti Enti sullo specifico Programma Operativo di cui sopra;
5) smaltimento dei rifiuti di cui al punto 3 entro le successive 48 ore secondo il Programma Operativo in questione;
6) sgombero e smaltimento del materiale, delle strutture e degli impianti danneggiati dall'incendio entro 30 giorni;
7) esecuzione di tutte le operazioni previste dalla presente ordinanza nel rispetto delle normative vigenti in materia di igiene, sicurezza e protezione ambientale nonché tramite l'adozione di tutte le misure necessarie per ridurre le eventuali maleodoranze.

Si fa presente che i rifiuti stoccati nella fossa saranno rimossi in mancanza di impianto di abbattimento odori (danneggiati/distrutti dall'incendio). Siamo in attesa del Programma Operativo redatto dall'azienda ma comunichiamo che sicuramente lo spostamento dei rifiuti provocherà maleodoranze che si protrarranno per tutta la durata delle operazioni di sgombero.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!