lunedì 22 settembre 2014

Il riparto della TASI tra comproprietari

Due fratelli sono comproprietari al 50% (come eredi) di un immobile nel “Comune di Palodina”. Un comproprietario (mio fratello - TIZIO) vi ha stabilito la residenza ed è per lui abitazione principale. Per l’altro comproprietario (io - CAIO) è seconda casa.
Tra i due comproprietari non è stato stipulato alcun contratto di comodato, relativamente alla quota del 50% del non residente.
Come ci dobbiamo regolare per il pagamento della TASI?

Facciamo le seguenti ipotesi:
- l’appartamento non è classificabile nelle categorie A/1, A/8 od A/9
- Il Comune di Palodina ha stabilito per le prime case un’aliquota TASI pari al 2 per mille e per le seconde un’aliquota dell’1 per mille.
- La quota a carico del detentore è stata stabilita dal Comune di Palodina nella misura pari al 10%

a) TIZIO
TIZIO abita nella casa di sua proprietà, sia pure al 50%. Sulla metà di sua spettanza, ossia sulla metà del valore catastale della casa, TIZIO paga:
  • La TASI al 2 per mille in quanto vi sono soggette le abitazioni occupate dai possessori e compossessori.
  • La TASI, in ragione del 10% della tassa calcolata con l’aliquota dell’1 per mille, applicata sulla metà del valore catastale di spettanza di CAIO; TIZIO infatti risulta “detentore” a titolo gratuito di tale parte della casa (il presupposto impositivo della TASI è… la “detenzione”, a qualsiasi titolo, di fabbricati, ivi compresa l’abitazione principale…”)

TIZIO non paga l’IMU, dalla quale sono escluse le abitazioni principali non classificate in categorie A/1, A/8 e A/9.

b) CAIO
CAIO paga sulla metà di sua spettanza – ossia sulla metà del valore catastale della casa – sia l’IMU che la TASI. Quest’ultima è uguale al 90% della somma che risulta applicando alla metà del valore catastale l’1 per mille (l’altro 10% è a carico di TIZIO, “detentore” della casa).

La TASI è dovuta per la “detenzione” di un immobile “a qualsiasi titolo”. Non è quindi necessario scervellarsi circa l’individuazione del titolo (locazione, comodato, occupazione abusiva, o comodato di fatto come nell’esempio) in base al quale avviene la detenzione, nè di preoccuparsi che non ci sia un contratto scritto al riguardo.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!