martedì 20 maggio 2014

Elezioni Gallicano: da Facebook un pensiero di un grillino

Copio e incollo questo post dal gruppo Facebook "Gallicano News".
Noi ci crediamo lo stesso!! #gallicanovinceconnoi

Da Grillino incazzato voglio scrivere due righe che mi auguro leggerete prima di bannare.
Perché Saisi e Venturini non vinceranno le elezioni?
Non perché non sono bravi o competenti, non a causa dei loro collaboratori e candidati che hanno fatto il loro massimo. Perderanno perché purtroppo per loro non sono politici.
Avevano in mano la campagna elettorale più facile della storia e se la sono fatta scippare dal grande vecchio della politica gallicanese.
Non potevano certo fare una lista unica, perché troppo diversi sono i loro elettori, ma sicuramente dovevano condurre una campagna d’attacco contro un’amministrazione allo sbando.
Avevano tutte le carte in mano per giocarsela tra di loro, una gestione dei soldi pubblici censurabile sotto tutti i punti di vista: Severa, Severa acque, severa servizi, fastvoice, pantarei.
Una tassa sui rifiuti che strangola le attività. Il centro per il telelavoro mai partito e diventato dopo cinque anni la sede dei vigili allagata dopo appena qualche giorno, un posto veramente sicuro che ora è stato riadattato per le sartorie dei rioni, auguri.
Un puzzo di fogna che è ormai diventato più caratteristico delle Focacce Leve.
Un candidato avversario nominato dalla vecchia guardia del partito non in base alle competenze amministrative ma solo perché il medico porta sempre voti e da fiducia. Un avversario che non parla, che non accetta il confronto, che ha fatto due anni come assessore senza che nessuno se ne accorgesse.
Un concorrente che, giacché assessore, è stato complice delle scelte fatte e che proseguirà nel solco ormai fallimentare di questo partito. Bastava dirlo, ci voleva poco a mostrare il re nudo.
Invece niente, troppo rispettosi, troppo gentili. Anche quando il sindaco di Castelnuovo vi ha confermato chi è che lavora per riaprire l’inceneritore non siete andati all’attacco, magari convocando una conferenza stampa congiunta, chiedendone conto a Rossi e a tutto il consiglio regionale.
Niente di tutto questo, gli avete lasciato mano libera e avete fatto si che potesse fare la parte della vittima in accordo con un imprenditore che, a quanto ho letto, manda sms ai “provinati” a una settimana dalle elezioni indicando la data di apertura e forse anche qualcosa di più.
Datevi pace signori forse non siete tagliati per il gioco sporco, sarebbe facile dirvi che i gallicanesi non vi meritano ma il problema siete voi, il vero politico è come lo squalo, quando sente l’odore del sangue attacca di più, ed è disposto a camminare sopra tutto e tutti.
Voi non lo siete e probabilmente non lo sarete mai.
Consolatevi con le parole di Papa Francesco che ha detto che qualche volta “è meglio una sconfitta pulita che una vittoria sporca”.
Mi scuso se vi ho offeso e spero che il vostro entusiasmo e la vostra onestà vi spingano sulla mia sponda, manca un anno alle elezioni regionali. Il movimento e la Garfagnana non hanno bisogno di politici ma di cittadini come voi.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!