martedì 21 gennaio 2014

La via del Fogliaio

Una "giravolta" del Fogliaio

Mi parve di munta' come 'na volta
su dal Fogliaio. Nun avevo fretta.
Per nun riva' già stracco a la Conchetta
tiravo 'l fiato ad ogni giravolta.

Odor di ciclamini, passo passo,
di mustio bagno, odore di fogliame,
qualche spera di sole fra le rame,
lo sciacquio del torente un po' più 'n basso.

Viniva da le grotte giù 'n arietta
per fare a rimpiattino co' le fronde,
la diga s'acciaccava fra du' sponde
laggiù, nel fondo de la valle stretta…

e sudavo a munta' su per que' sassi…
ma, sul colletto, c'era 'l mi' paese,
la su' gente, un po' rude, ma cortese,
e le vie duve mossi i primi passi.

C'era di giorno 'n cielo illuminato,
e di notte 'nchiodato co' le stelle,
im camposanto, là ne le Pianelle, 
dovunque un campicello siminato…

E apersi gli occhi… Adesso al mi' paese
quando, chi se nìandò ci fa ritorno
ci munta con i mezzi d'oggigiorno,
più svelto, per la Costa di Pavese.

In cimo, trova 'n mondo ch'è mutato,
le vie, e cose, 'ntorno la campagna.
Eternamente uguale c'è la Pagna,
il cielo azzurro, i sogni del passato:

"gridi allegri di bimbi sotto il sole,
canti di galli a ditti ch'è già giorno,
odor di pane fresco drento 'l forno,
belle vegliate ad ascoltà le fole".

Faccio bene a sognammo o edè 'no sbaglio?
E' vero ch'oggigiorno tutto è bello?
Scalamino i ricordi nel cervello,
come la vecchia strada del Fogliaio.

Silvano Valiensi

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!