mercoledì 9 ottobre 2013

Centro GIS - Carte topografiche della Garfagnana a disposizione di tutti

L’Unione Comuni Garfagnana prosegue con decisione ed impegno nell’attività di innovazione tecnologica nella consapevolezza che, anche in tempi di scarsità di risorse, gli investimenti nel campo dell’innovazione sono fondamentali sia per creare e migliorare i servizi al territorio e quindi ai cittadini, sia per rendere più efficiente l’Ente pubblico. In quest’ottica va inquadrata la realizzazione.

Il por­tale realizzato, all’indirizzo www.centrogisgarfagnana.eu, consente il libero accesso, dal gennaio di quest’anno, alla consultazione dei dati geografici della nostra area, che al momento sono costituiti da:
  • CTR (Carta Tecnica Regionale) scala 1:10.000;
  • Piano di Sistemazione Idraulica (censimento opere idrauliche presenti sul territorio);
  • Carta dei Vincoli:
- Vincolo Idrogeologico
- Vincolo paesaggistico
- Vincolo Monumentale
- Siti di Interesse Regionale (S.I.R.)
- Parchi e Riserve
  • Superfici Percorse dal Fuoco (anni dal 2006 al 2009)
  • Nuova Rete Punti Fiduciali;
  • Mosaicatura quadro unione 1:2.000 CTR;
  • Progetto ITER.NET - grafo viario e indirizzario;
  • Fogli 1:2.000 della Carta Tecnica Regionale, relativi ad ogni Comune.

Il primo aspetto che ci preme sottolineare afferma il Presidente dell’Unione Comuni Garfagnana Mario Puppa è come, con la realizzazione del Centro GIS, sia stato possibile fare economia di scala in ambito SIT (Sistema Informativo Territoriale), offrendo la possibilità anche ai piccoli Comuni di disporre di competenze, strumenti tecnologici e servizi, altrimenti impensabili.
Ma con la realizzazione del Centro GIS, l’Unione Comuni ha anche reso possibile a tutti, in qualsiasi ora del giorno e della notte e da qualsiasi luogo che risulti coperto dalla connessione internet (oramai diffusa pressoché dovunque anche in Garfagnana), l’accesso ai dati geografici attraverso strumenti quali personal computer, ipad, smartphone, di uso pressoché generalizzato ed utilizzabili anche in viaggio. 

E’ un’innovazione rilevante, che concorre a ridurre i disagi per le popolazioni che vivono in aree che, come la nostra, amplificano le difficoltà negli spostamenti: sempre di più, è il servizio che si sposta verso il cittadino e non viceversa. Inoltre, ed anche questa è un’innovazione non secondaria, la cartografia consultabile non è più “frazionata” in fogli, come avviene con i normali supporti cartacei, ma è stata opportunamente mosaicata e pertanto su di essa è possibile “navigare” senza interruzioni.

Un altro aspetto innovativo e di fondamentale importanza, che ai non addetti ai lavori potrà suonare un po’ oscuro, è il formato dei dati con i quali è costruito il portale, lo shape, che rappresenta lo standard cartogra­fico internazionale e che consente di legare, al dato cartografico vero e proprio, come ad esempio una strada o un edificio riportati sulla carta geografica, anche informazioni quali ad esempio le dimensioni, l’anno di costruzione, l’aspetto (attraverso fotografie), il nome della località, ecc., che possono essere consultate con un semplice click.

Ma perché questo servizio innovativo possa crescere e produrre tutti i risultati che ne hanno motivato la realizzazione, è fondamentale che venga utilizzato ed aggiornato ed in questo un ruolo fondamentale dovrà essere svolto dai Comuni attraverso il coordinamento dei Comuni.
Per tale motivo, è intenzione di questa Unione, parallelamente all’incremento del numero e del livello di dettaglio degli strati informativi al momento presenti, procedere anche ad una sistematica attività di informazione/forma­zione, che partirà a breve, presso gli Uffici Tecnici comunali, nel corso della quale verranno illustrate nel dettaglio le caratteristiche del Portale realizzato, le banche dati presenti e le modalità con le quali accedere ed interagire.

Questa attività promozionale/formativa, verrà successivamente svolta anche nei confronti di altri soggetti istituzionali, per loro natura portati ad utilizzare le banche dati del Centro GIS, come gli Ordini Professionali ed i Collegio dei Geometri, attraverso la definizione e sottoscrizione di appositi atti convenzionali.

Siamo consapevoli, conclude il Presidente Puppa, che il percorso ancora da compiere, perché il Centro GIS possa dispiegare tutto il suo potenziale innovativo sul nostro territorio, è impegnativo ma la consapevolezza sulle sue potenzialità e sui benefìci che potranno riverberarsi a vantaggio sia del privato cittadino che degli Enti e delle Istituzioni locali, ci rende determinati nella volontà di diffonderne la conoscenza e di incentivarne l’utilizzo.

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!