lunedì 1 luglio 2013

Terremotati di serie C, l'appello di chi vive in Lunigiana e Garfagnana

Condivido quest'articolo dell'amico Eros Tetti

Che la Lunigiana e la Garfagnana fossero terre marginali e dimenticate da tutti questo era già tristemente noto, sembra che di questa area apuana non se ne possa e voglia parlare nemmeno quando uno sciame sismico durissimo come quello in atto mette in ginocchio paesi interi, rendendo inagibili molte abitazioni e costringendo i suoi abitanti a vivere nelle tendopoli. Oltre 1200 scosse ci hanno fatto tremare negli ultimi 10 giorni, molte delle quali sopra i 3 gradi Ricther, alcune sopra i 4 e una addirittura sopra i 5.2.
La popolazione è stremata dallo stress psicologico, dalla paura, dalle difficoltà logistiche di dover dormire fuori casa e soprattutto dal silenzio mediatico e istituzionale che sta caratterizzando questa difficilissima epopea. 
Questo è un “non evento” come aveva affermato il capo della Protezione Civile Gabrielli lasciandoci duramente e ulteriormente feriti sia nell’orgoglio sia nella “non solidarietà”. 
Negli eventi sismici nazionali del passato, le mancate ricostruzioni e aiuti alle popolazioni sono caduti sul capo anche di quelle zone che hanno avuto una forte risonanza mediatica, noi che ci sentiamo trattati come cittadini di serie C, come gli ultimi della fila da sempre abbiamo una profonda paura, non proprio infondata di essere abbandonati da tutto e da tutti. Questo sarebbe la fine per molti dei nostri borghi.
Vi chiediamo attenzione, aiutateci ad accendere i riflettori su questo luogo dimenticato da tutti anche da molti dei suoi abitanti. 
Non vogliamo fare inutile allarmismo, vogliamo far emergere dignitosamente i problemi della nostra terra, siamo costretti in questo momento così difficile a doverci preoccupare di non essere dimenticati. 

Salviamo le Apuane (e gli apuani)

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!