lunedì 18 febbraio 2013

Contribuenti minimi: requisiti per accedere, quando conviene e quando no

I requisiti per accedere al regime dei minimi 

  1. Essere persona fisica; 
  2. Avere iniziato un’attività di impresa o lavoro autonomo dal 2012, oppure dopo il 31 dicembre 2007 (ma, in questo caso, fare attenzione al periodo massimo di permanenza); 
  3. Non avere esercitato, nei tre anni che precedono l’attivazione della partita Iva, un’altra attività artistica, professionale o di impresa, anche in forma associata o familiare; 
  4. Non realizzare una mera prosecuzione di altra attività svolta in precedenza sotto forma di lavoro dipendente o lavoro autonomo, escluso lo svolgimento del periodo di tirocinio obbligatorio; 
  5. Produrre ricavi o compensi non superiori a 30 mila euro;
  6. Nel caso di continuazione di attività d’impresa già svolta da altro soggetto, l’ingresso nel regime è consentito se il dante causa (cioè il precedente titolare), nell’anno precedente al trasferimento, non ha superato la soglia dei 30 mila euro; 
  7. Non effettuare cessioni all’esportazione; 
  8. Non impiegare lavoratori dipendenti, anche interinali, né collaboratori a progetto (sono ammesse, invece, le prestazioni occasionali), né associati d’opera; 
  9. Non acquistare, nel triennio beni strumentali, anche mediante appalto, locazione e leasing, per un ammontare superiore a 15 mila euro; 
  10. Monitorare il periodo massimo di permanenza nel regime: questo, infatti, è applicabile per cinque anni dall’avvio dell’attività, o anche per un periodo superiore (vale a dire sino al compimento del 35° anno di età anagrafica) per i giovani contribuenti.

Il Sole 24 Ore del 18-02-13

Ecco quando non conviene 
Difficile pensare che a qualcuno possa non convenire il regime dei minimi. Eppure, ci sono situazioni in cui la tassazione al 5% determina un peggioramento del saldo fiscale. Questo accade quando il contribuente ha deduzioni (diverse dai contributi previdenziali) o detrazioni che non possono essere recuperate, perché il reddito prodotto non confluisce nel quadro RN del modello Unico. 
Così, ad esempio, se un contribuente avesse carichi familiari rilevanti o le rate del 55% sul risparmio energetico, passando tra i minimi verrebbe a perdere le quote “pendenti” della detrazione. Il beneficio resta, invece, se si possiedono altri redditi tassati ordinariamente (ad esempio la pensione).

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!