venerdì 23 novembre 2012

Come si compila il redditest

Redditest
A) Definizione
Strumento automatico che consente al contribuente di verificare, in base alle spese sostenute nel periodo d'imposta, il reddito che il fisco considera compatibile. Il calcolo viene effettuato utilizzando un software predisposto dall'agenzia delle Entrate messo a disposizione del contribuente per inserire le proprie spese ricomprese in cento voci individuate dal fisco.
B) Effetto
E' uno strumento per orientare il contribuente e la sua dichiarazione. Il risultato rimane nella sola disponibilità del contribuente e non viene e non verrà conosciuta dal fisco.
C) Comportamento del contribuente
Nel caso in cui il risultato del sistema calcolo dimostri un'incompatibilità del reddito atteso dal fisco il contribuente può verificare la propria posizione e se si accorge di non aver correttamente dichiarato un reddito può inserirlo nella dichiarazione dei redditi.

I passi da fare per compilare il redditest (scarica il software)

1) L'avvio 
Per la compilazione del redditest ci si deve collegare al sito www.agenziaentrate.it e scaricare il programma cliccando sulla maschera "redditest". Le informazioni immesse non lasciano traccia sul web. Nel redditest devono essere inizialmente indicati composizione, reddito e comune di residenza della famiglia; poi è la volta delle spese sostenute nell'anno, suddivise in 7 categorie: abitazione, mezzi di trasporto, assicurazioni e contributi, istruzione, tempo libero e cura della persona, altre spese, investimenti immobiliari e mobiliari.


2) Il peso dell'abitazione
Tra le spese relative alle abitazioni, alla voce "Manutenzione straordinaria" vanno considerati anche i costi per impianti di allarme, videocitofono, impianto di teleriscaldamento. Se queste spese danno diritto alla detrazione del 36% per ristrutturazione, vanno ricomprese nelle "Spese di ristrutturazione". Inoltre, tutte le spese che danno diritto alla detrazione del 36% per ristrutturazione o al 55% per "Risparmio energetico" vanno indicate per intero.



3) Le assicurazioni
Gli importi delle assicurazioni vanno indicati con riferimento all'anno solare. Per eventuali assicurazioni "miste", riferite quindi a più tipologie di assicurazioni, quando non è possibile distinguere gli importi per tipologia di ramo assicurativo possono essere riferiti alla tipologia prevalente. 
Nella voce "Assicurazione infortuni" va considerato anche l'eventuale premio pagato all'Inail per il rischio da parte delle casalinghe. 
Nella voce assicurazione "vita" si deve intendere sia le assicurazioni "caso vita" che "caso morte"





4) Cura della persona
Il redditest presta molta attenzione alle spese per la cura delle persone. E si tratta di valori che hanno peso rilevante nel determinar la coerenza o meno delle spese rispetto al reddito. In questa sezione vanno indicate le uscite per: abbonamenti ad eventi sportivi e culturali; attività sportive; circoli culturali e ricreativi; abbonamenti a pay tv; giochi online; viaggi organizzati e soggiorni in albergo. Vanno infine indicate le spese per i centri benessere e la cura delle persone.


5) L'esito
Alla fine della compilazione dei quadri il redditest darà il suo responso: la stima potrà essere "coerente" (su luce verde) oppure "incoerente" sul luce rossa. E' possibile in qualsiasi momento modificare o integrare le informazioni riportate. Il risultato ottenuto può indirizzare il contribuente verso una diversa allocazione delle sue spese visto che alcune uscite (tipo i viaggi o i gioielli) "pesano" decisamente più di altre (abitazione)


Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!