mercoledì 17 ottobre 2012

I mangiari di una volta in Garfagnana: l'infarinata

      Si mette a bollì una pentola alta d'acqua.
Ci si spezzetta qualche foia di cavolo nero, patate e diverse manciate de fagioli borlotti seggi - già mollati.
      Col pistalardo e la mezzaluna se fa un trito de cepolla e sedano, poco aglio e una fetta de lardo.
      E se fa un bel sofrit.
      Appena pront insieme a un osso de prosciut se mette a bollì nella pentola. Il tutto deve bollì tre ore. Dopo si leva l'osso, che si tira al can, si aggiunge nella pentola farina di frumenton finch'è si ottenga un impasto morbido, infine si fa bollì per 45 minuti.
Dal libro di Adriana Gallesi "I mangiari di una volta in Garfagnana"

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!