domenica 30 settembre 2012

Terza categoria: Gallicano - Molazzana 0 - 1

GALLICANO: Bertoncini Mirko, Biagioni Andrea, Simonini (Frulletti), Abram, Verzani, Bertoli (Salotti), Giannecchini (Chiocchetti), Benedetti, Franchi, Maiorano, Orsucci. 
A disposizione: Bertoncini Jacopo, Cheli, Ricci. 
Allenatore: Gerd Wurach 

MOLAZZANA: Grassi, Biagioni Luca, Bertoni (Babboni F.), Secci, Malatesta, Martinelli, Bertoncini Roberto, Togneri, Lemmi (Bertucci), Carrari, Tamagnini (Biagioni Alessio). 
A disposizione: Guidi, Iacconi, Vergamini. 
Allenatore: Roberto Biagioni 

ARBITRO: Valdrighi di Lucca 

RETI: 29′ pt Tamagnini 
NOTE: Espulso Bertucci per scorrettezze. 

U.S. Gallicano (foto di Dilettanti Lucca - Nicola Bellanova)

GALLICANO - Il derby della Pania parla amaranto. Tamagnini, il golden boy del Molazzana, regola la sfida del “Toti” con una zampata che ha messo fuorigioco mezza difesa del Gallicano. 
Per la più antica delle supersfide della Valle (i due comuni sono divisi da soli quattro chilometri), c’erano tutti gli ingredienti per vedere un bel match: pubblico numeroso nonostante il tempo incerto, arbitro del posto (vive a Monteperpoli, frazione di Castelnuovo a metà strada tra i due territori), e soprattutto tanti piedi buoni da una parte e dall’altra. 
Il 4-4-2 di Wurach sembra inizialmente ben assortito, visto che nei primi minuti sono i bianconeri di casa a tenere il pallino del gioco. Dall’altra parte, l’esordiente mister Roberto Biagioni risponde con un elastico 3-4-1-2 che non darà poi punti di riferimento agli avversari, per il costante movimento di Tamagnini, capitan Bertoncini e Carrari, ai quali si affianca la potenza fisica del lungagnone Lemmi. 
La gara è gradevole, anche se molto tattica. Al 5′ si vede qualcosa: Benedetti in percussione dalle retrovie cerca gloria al tiro, ma la conclusione è smorzata dalla schiena di Martinelli. Al 7′ punizione dalla destra battuta da Martinelli, arpiona di prima intenzione Tamagnini che però scarica alto in acrobazia. 
Il Molazzana adotta la difesa altissima e il fuorigioco sistematico, tattica che fa saltare i nervi ai tifosi gallicanesi, che reclamano su qualche decisione dubbia. All’11 ancora amaranto dalle parti di Mirko Bertoncini, con la girata di testa di Lemmi che però diventa una telefonata per il portiere locale. 
Al 15′ però il Gallicano sfiora il vantaggio: Matteo Franchi prende il pallone e dai venticinque metri lascia partire una staffilata velenosa deviata in corner da Grassi. Dal calcio d’angolo nasce una mischia, e Benedetti trova lo spiraglio per calciare di controbalzo tirando però lontano. 
Al 18′ forse la più bella azione della gara: Martinelli vede e serve in verticale Fabio Tamagnini; l’ex attaccante del Piazza al Serchio si trova solo davati a Bertoncini ma tira in maniera talmente perfetta che la palla va a stamparsi sulla traversa. Non c’è sosta, e il ritmo è alto su entrambi i fronti. Buon segno. 
Al 22′ Grassi è semplicemente strepitoso a togliere la palla dal sette, telecomandata da un calcio piazzato di Franchi. Dopo 3′ è Mirko Bertoncini ad emularlo sul suo omonimo del Molazzana, deviando un pallone dai venti metri destinato in rete. 
Al 29′ arriva il gol del vantaggio, quello che si rivelerà decisivo: capitan Bertoncini si incarica di battere un calcio piazzato sulla trequarti defilato sulla destra, buttando in mezzo un pallone carico d’effetto che Tamagnini spizza d’anticipo tra quella selva di gambe con un tocco felpato, tale da beffare tutti, portiere compreso. Il Gallicano sembra colpito a freddo, ma prova a reagire, come al 33′ quando Benedetti impensierisce Grassi con un fendente velenoso, deviato in corner. Tutti vedono il tocco del portiere, tranne l’arbitro Valdrighi che accorda fallo dal fondo. E qui entra in scena il portierone ospite, che dà sfoggio di grande sportività ammettendo l’intervento decisivo e convincendo l’arbitro a rivedere la sua decisione. 
Al 37′ Lemmi conquista di forza un bel pallone, entra in area e si gira calciando fuori di un soffio. Al 41′ Malatesta ferma in spaccata Maiorano lanciato a rete, e si becca gli applausi di tutti, mentre al 44′ ancora Lemmi raccoglie di testa uno spiovente di Carrari, ma la sua sponda non è raccolta da nessuno. E il primo tempo finisce così. Nella ripresa, mister Wurach sceglie la trazione anteriore, buttando nella mischia Frulletti e Chiocchetti nel tentativo di rinforzare l’attacco, ma il Molazzana è diligente nell’occupazione degli spazi, grazie agli spostamenti fatti da Biagioni. Succede poco rispetto al primo tempo, ma al 16′ c’è una clamorosa indecisione tra Martinelli, Malatesta e Grassi: Orsucci si inserisce ma spara sul portiere amaranto, davvero felino nella circostanza. 
Al 28′ il Molazzana potrebbe raddoppiare, se il neo entrato Bertucci non ciabattasse malamente solo davanti a Bertoncini un pallone da spingere in rete. Lo stesso Bertucci si ripete dopo pochi minuti, cercando l’eurogol da 40 metri, ma la palla finisce alta. 
Sempre Bertucci protagonista al 34′, quando si vede sventolare il cartellino rosso per un brutto fallo su un difensore bianconero. Il Gallicano ci crede e crea mischie paurose daventi a Grassi, ma sale in cattedra il Bertoncini del Molazzana, quello che sa prendersi le responsabilità del momento. I
l capitano amaranto mette due volte in crisi la difesa gallicanese, e nel finale sbaglia anche un gol praticamente già fatto. 
Termina così la sfida della riva destra del Serchio. Ma se il livello della Terza è quello visto al “Toti”, ci sarà davvero da divertirsi. 

Che ne diresti di leggere un altro articolo a caso del blog? Potresti trovarlo utile e interessante!